Basket – Chi si rivede: Devin Smith, un sogno (quasi) impossibile…

30 giugno 2010

Avellino – La voce è da prendere con tutte le cautele del caso ma è senza dubbio di quelle molto ghiotte: Devin Smith, il campione che con Marques Green ha contribuito nel 2008 a portare l’Air sul tetto d’Italia e alle porte dell’Europa, potrebbe – il condizionale è d’obbligo – tornare a vestire il biancoverde di Avellino.
L’indiscrezione trapela da ambienti vicini a Treviso, società che sta provando a riportare il talentuoso cestista in Italia dopo l’esperienza al Fenerbahçe e al Panellinios, ma ha già fatto il giro delle varie testate sportive online. Le ultime dal centro veneto parlerebbero di uno stallo nelle trattative tra la Benetton e Smith a causa dell’enorme – sembra – divario esistente tra domanda e offerta.

E se nelle negoziazioni si inserisse proprio la Scandone Avellino, pronta a regalare l’ennesimo colpo ad effetto ad una campagna acquisti già di primo livello?
In effetti, Smith ricalcherebbe quasi completamente l’identikit della guardia tracciato da coach Frank Vitucci. Sul parquet Smith, infatti, rappresenta un vero problema per gli avversari in virtù della duttilità e della capacità di giocare in due ruoli, guardia e ala piccola (con coach Matteo Boniciolli, Smith è stato utilizzato anche nello spot di ‘4’, ndr) oltre alla bidimensionalità attacco-difesa. In poco più di tre anni, inoltre, è diventato un veterano del basket europeo.
Lo scorso anno Smith con la casacca del Panellinios ha collezionato cifre di assoluto interesse andando a chiudere la stagione con una percentuale nelle triple vicina al 40% e più di 5 rimbalzi totali conquistati.

E’ noto che Vitucci lo aveva richiesto già ad inizio anno durante la sua breve parentesi da head coach a Treviso. Smith, infine, è legato da un profondo rapporto di stima e affetto con Tonino Zorzi tanto che fu proprio il ‘paron’ tre anni or sono a soprannominarlo “il professore” perché – spiegò – “… quando gioca, è come se avesse un libro in mano facendo diventare tutto semplice”.

Intercettato telefonicamente, l’agente di Smith, Dario Santrolli, getta acqua sul fuoco: “Ho letto anch’io di possibili sondaggi di Avellino e Roma per Smith ma al momento posso soltanto dire che l’unica società che si sta interessando al giocatore è Treviso, dalla quale aspettiamo un’offerta. Ho avuto modo di parlare con Frank (Vitucci, ndr) ma nel corso dei nostri colloqui non è mai venuto fuori il nome di Smith. So che lui è alla ricerca di una guardia esperta e dalle determinate caratteristiche offensive. Senza dubbio Smith potrebbe essere quel giocatore ma al momento non c’è nulla. Chissà in futuro…”.

Smith resta dunque un sogno, almeno per ora. La trattativa sarebbe comunque complessa e delicata poiché Smith verrebbe ad Avellino forte soltanto di un contratto molto remunerativo, in virtù anche della sua probabile comunitarizzazione (in estate è atteso dalla convocazione con la nazionale macedone). Smith sembra destinato a rivestire il biancoverde in Italia la prossima stagione. Con quale squadra però si vedrà solo nei prossimi giorni.