Baiano, Napolitano (MiR): “Servono proposte concrete”

12 febbraio 2013

“In occasione della manifestazione elettorale di domenica scorsa, a conclusione della stessa ho ringraziato l’Amministrazione Comunale di Baiano per la concessione della Sala consiliare e ho aggiunto che se ci fosse stato presente il Sindaco, momentaneamente fuori sede, conoscendolo, avrebbe portato certamente un saluto istituzionale. Mi sono rammaricato che nessuno dei suoi collaboratori, assessori o consiglieri, pur invitati a farlo hanno declinato l’invito. Ne avevano tutto il sacrosanto diritto a comportarsi come si sono comportati. Ma, ho aggiunto, che in occasioni di manifestazioni elettorali o di altro genere, in cui sono coinvolti propri cittadini, o personalità estranee, è un fatto di civiltà che l’ Amministrazione, nella persona del Sindaco o di qualche suo collaboratore, intervenga, non come soggetto coinvolto, ma come padrone di casa. Questo è stata la mia riflessione. Cosa c’è che non va?”. Lo scrive, in una nota, Luigi Napolitano candidato al Senato nelle liste del Mir di Samorì.

“Non è possibile fare politica giocando sugli equivoci, riportando male cosa dette per dare un contributo positivo per migliorare comportamenti. Utilizzare comportamenti, che appartengono ai singoli, per la contrapposizione all’Amministrazione, non porta a vincere le elezioni ma semplicemente a fare “amuiana”. Chi vuole vincere le competizioni elettorali, locali o non, deve fare proposte serie che scaturiscono da una visione globale, da un progetto chiaro da condividere con tutti i cittadini. Se non si ha progettualità allora l’unico modo per dire che si è presente è fare polemica sterile su ogni singola cosa, come si tenta di fare”, ha concluso Napolitano.