Avellino – Targhe alterne: tra polemiche e apprezzamenti, superata la prova

by 3 marzo 2005

“La città è con noi” parola di Sindaco. Pino Galasso è, comunque, consapevole che l’entrata in vigore di un nuovo dispositivo può sollevare proteste e apprezzamenti dai fruitori e si dice pronto a dare risposta. “Il provvedimento, ricordo, delle targhe alterne, entrato in vigore ieri mattina e resterà attivo fino al 28 aprile prossime nei giorni di mercoledì e giovedì, rappresenta un serio sistema di tutela della salute di tutti, adulti e bambini. Rappresenta una scelta precisa dell’Amministrazione, da me guidata, – spiega Galasso – che s’inserisce in un piano di tutela ambientale più generale e di lungo respiro”.
Potrebbe, e forse lo è, un provvedimento drastico ma il livello di inquinamento atmosferico non ha dato alcuna via d’uscita: nel mese di gennaio i limiti previsti dalla legge (50 mg/mc) sono stati superati 12 volte, mentre 2 sono stati i giorni in cui si è sforato il tetto massimo nel mese di febbraio con ben 14 superamenti nei primi due mesi dell’anno “…un dato preoccupante se rapportato ai 35 superamenti consentiti per l’intero 2005”. Una preoccupazione che trova conferma nei dati registrati ed elaborati dal Legambiente: delle città capoluogo italiane, Avellino è tra i nove comuni con i dati peggiori in materia di polveri sottili e di biossido d’azoto “sforando” insieme a Verona e a Bologna per ben 22 giorni i livelli consentiti dalla Legge dopo Pavia con 20, e prima di Brescia con 28, Foggia con 29, Perugia 43, Napoli con 52 e Benevento con 57.
Polemiche a parte, la Giunta Galasso ha voluto mettersi in “gioco” perchè consapevole del danno che lo smog può causare non solo alla città ma soprattutto alla salute dei cittadini “…potevamo fare finta di niente – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Spina – e tenere i dati nel cassetto dove sono rimasti per anni. Abbiamo scelto di sollevare il problema e affrontarlo con determinazione. La nostra, dunque, è un’azione di prevenzione non più prorogabile”.
Nota positiva, non tiriamo acqua al nostro mulino, è che per la prima volta Palazzo di Città tutela il lavoro di noi giornalisti. Un evento nell’evento che merita di essere sottolineato. In una nota, a firma del primo cittadino Pino Galasso, si legge “…in occasione dei giorni in cui è in vigore il dispositivo di circolazione a targhe alterne, i giornalisti in servizio esibendo la tessera d’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti ed il contrassegno per le autovetture rilasciato dallo stesso Ordine, saranno esentati dall’obbligo”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.