Avellino al Tar, si decide lunedì: decreto dopo il contraddittorio

4 agosto 2018

di Claudio De Vito – Prima di emanare o meno il provvedimento cautelare, il Tar Lazio vuole ascoltare le parti in causa. E’ quanto emerso in mattinata presso il tribunale amministrativo. In giornata non ci sarà alcuna decisione monocratica rinviata a lunedì, quando ricorrente, resistenti (Figc e Coni) ed eventualmente controinteressati (Siena e Ternana) si presenteranno davanti al giudice per il contraddittorio.

L’appuntamento è alle 10 presso la Prima Sezione Ter del tribunale amministrativo romano. Come anticipato ieri, la costituzione in giudizio della Figc e successivamente del Comitato Olimpico non ha consentito l’adozione di un provvedimento inaudita altera parte. Di qui la necessità di far slittare tutto a lunedì. I legali Figc Letizia Mazzarelli e Luigi Medugno sono agguerriti e stanno dando filo da torcere all’Avellino che però confida nella bontà delle articolate argomentazioni della difesa interpretata dallo studio Lentini.

Dopo la pronuncia di lunedì, che sancirebbe l’ammissione con riserva in caso di accoglimento dell’istanza cautelare, il provvedimento andrebbe confermato con l’udienza di sospensiva di fine agosto. Una vittoria lunedì sarebbe un primo significativo mattoncino posato sulla rincorsa alla B perché ottenuta al termine di un contraddittorio serrato già verificatosi il 31 luglio e trasferito ora dalla sede del Coni al Tar. Un provvedimento favorevole ottenuto in contraddittorio infatti avrebbe un notevole peso specifico in vista della pronuncia di sospensiva, appunto la conferma del decreto cautelare prevista per fine mese.