Avellino, sulle strutture comunali è scontro in Consiglio

Avellino, sulle strutture comunali è scontro in Consiglio

5 ottobre 2015

Il Consiglio comunale di Avellino approva le tre mozioni presentate in aula dai dissidenti della maggioranza Foti sull’affidamento strutture pubbliche sportive e non, l’Home Care Premium e sulla proroga della presentazione delle istanze sugli sgravi Tari.

Una lunga seduta ha accompagnato i nuovi lavori dell’assise civica a Palazzo di Città.

Alla fine, sulle strutture pubbliche la mozione di Gianluca Festa è stata approvata con 17 voti a favore e 7 contrari (Percopo, Giordano, Preziosi, Di Iorio, Mario Cucciniello, Arace e Matetich (assente al momento del voto Miro).

Il Consiglio ha dunque deliberato di revocare ad horas l’assegnazione delle strutture comunali alle associazioni che al 30 giungo non hanno rispettato le scadenze relative ai pagamenti dei canoni di locazione previsti dalle convenzioni, di vietare la possibilità di transazioni, rateizzazioni e compensazioni e di procedere entro la data del 31 dicembre alla pubblicazione dei bandi di affidamento per tutte le strutture sportive prove di convenzioni, esclusi la palestra comunale, il campo Coni, lo stadio Partenio Lombardi, il Partenio B e i campi di Borgo Ferrovia e San Tommaso.

Via libera anche alla scelta di rimuovere l’appalto del progetto Home Care Premium al consorzio del vecchio Piano Sociale che è in fase di scioglimento.

Slitterà al 30 ottobre il termine per presentare la domanda di sgravi sulla Tari per chi abita distante dai cassonetti e non è servito da raccolta “porta a porta”.