Avellino-Spezia 1-0. Foscarini: “Tifosi, mi fate sentire un allenatore di A”

Avellino-Spezia 1-0. Foscarini: “Tifosi, mi fate sentire un allenatore di A”

12 maggio 2018

di Claudio De Vito – E’ la notte che alimenta la speranza di tutti, società, squadra, allenatore ma soprattutto di un intero popolo che non vede l’ora di tagliare il traguardo della salvezza. I diecimila del Partenio-Lombardi sono ancora negli di Claudio Foscarini quando l’allenatore trevigiano si presenta in sala stampa nel post-partita per commentare il successo sullo Spezia.

“Voglio ringraziare il pubblico che questa sera mi ha fatto sentire un allenatore di Serie A” ha ammesso candidamente il Ferguson del Piave che probabilmente mai nella sua carriera di allenatore ha giocato con un sostegno sugli spalti così sostanzioso. E sostanziale, perché il tifo nei momenti topici ha fatto la sua parte: “Ha saputo darci la carica – ha sottolineato Foscarini – quell’energia che avevo auspicato alla vigilia, i tifosi ci hanno trascinato e dato una mano a vincere la partita. Ci seguano anche a Terni: abbiamo bisogno di giocare in casa anche lì”.

“Ma voglio ringraziare anche i giocatori perché tanti di loro sono scesi in campo incerottati, hanno giocato in condizioni precarie – ha rivelato il tecnico biancoverde – sono contento per il risultato anche se è una gioia a metà perché il pensiero va già alla prossima partita. Abbiamo fatto il 50% del nostro dovere, ora ci attende il resto”.

Eppure le premesse erano tutt’altro che lusinghiere a giudicare le prime battute di gioco. “Nei primi venti minuti siamo stati troppo contratti – ha spiegato Foscarini – avevo percepito questo aspetto già prima della partita nei volti dei giocatori, abbiamo pagato anche questo oltre al fatto di aver avuto Castaldo troppo solo là davanti”.

Domani riposo con uno sguardo ai risultati delle altre. Da domenica poi full immersion con la testa completamente proiettata alla Ternana.”Ho chiesto alla società di partire con un giorno d’anticipo – ha annunciato Foscarini con l’intento di ricalcare la modalità Ascoli – dobbiamo verificare alcuni fattori logistici. Ngawa ha avuto un risentimento. Kresic e Falasco solo crampi”. Si preannuncia un’altra settimana complicata dal punto di vista della gestione fisica, ma il morale c’è e l’Avellino è pronto per andarsi a prendere la salvezza.