Avellino – Rapina a mano armata alla Gei: 2mila euro il bottino

24 giugno 2005

Avellino – Rapina a mano armata davanti all’ingresso della Gei di Contrada Baccanico ad Avellino. E’ quanto accaduto, nella tarda mattinata di ieri, ai danni di un 50enne del capoluogo.
Erano le 12.30 circa: l’uomo, secondo la prima ricostruzione fatta dagli Agenti della Squadra Mobile, sarebbe stato inseguito da due uomini, in sella ad una motocicletta di grossa cilindrata, sin dall’uscita da un Istituto di Credito di Via De Renzi. Il 50enne era andato in Banca per prelevare dal proprio conto corrente circa duemila euro. Una somma che sarebbe servita per adempiere al pagamento di alcune imposte. Messo alla guida della sua autovettura, ha raggiunto la Gei. Non si è insospettito della motocicletta che lo ha seguito per tutto il percorso. Dopo aver parcheggiato la vettura, si è diretto allo sportello dei pagamenti. Non ha fatto in tempo, però, a varcare la soglia e ad adempiere ai pagamenti. E’ stato avvicinato, infatti, a pochi metri dall’entrata alla Gei da uno dei due malviventi con il volto travisato dal casco. L’uomo è stato minacciato di morte, forse con una pistola, ed è stato costretto a consegnare il portafogli. Riusciti nel loro intento, hanno ingranato la marcia e si sono dati alla fuga. Immediatamente è stato allertato il “113”. Giunti sul posto, gli Agenti della Mobile hanno ascoltato la vittima che avrebbe dichiarato di non essersi accorto di nulla. Si sarebbe trattato di una rapina lampo. Sono stati sentiti anche i clienti presenti allo sportello della Gei. Il tutto necessario per ricostruire la dinamica della rapina e per raccogliere elementi utili per risalire all’identità dei malviventi. Per il momento dei rapinatori nessuna traccia ma le ricerche proseguono. (Emiliana Bolino)