Avellino – Piazza Libertà sempre più a rischio: oggi le prove di carico

22 maggio 2005

Piazza Libertà sempre più a rischio. Il centro della città messo letteralmente “sotto torchio”. Da questa mattina fino a data da destinarsi, infatti, il cuore della città di Avellino sarà sottoposto ad un vero e proprio screening: prove di carico, almeno oggi, alle strutture portanti dei vespasiani che sono situati in corrispondenza alle fontane e ai giardinetti di Piazza Libertà. Un accertamento al fine di verificare lo stato dell’arte e confermare o smentire quanto già risultato da un primo sopralluogo che avrebbe evidenziato la carbonatazione del calcestruzzo, segni di ossidazioni dell’armatura e del parziale cedimento dei solai dei bagni pubblici. L’area, dunque, resta off-limits per i suoi affluenti più fedeli: nonni, giovani coppie, dovranno trovarsi un nuovo “rifugio” dove incontrarsi per chiacchierare e perché no per fare nuove conoscenze. Il perimetro, infatti, che circonda le fontane che una volta ospitavano cigni, è già dalla scorsa settimana interdetto e le transenne installate servono per garantire la pubblica incolumità visto che il rischio crollo dei solai potrebbe verificarsi da un momento all’altro senza alcun preavviso. Come si legge in una nota a firma dell’assessore Capone “… l’interdizione di Piazza Libertà è da considerare, almeno fino a quando i nostri tecnici non avranno ultimato le prove di carico e tutti i rilevamenti che si dovessero rendere necessari, quale misura preventiva al fine di garantire l’incolumità pubblica. Solo quando avremo la certezza dell’assenza totale di rischi per i cittadini provvederemo a riaprire la Piazza”. In attesa dell’avvio delle prove di carico, l’Amministrazione di Piazza del Popolo nella persona dell’assessore ai Lavori Pubblici Ivo Capone ha già fatto provvedere allo svuotamento delle vasche: se gli accertamenti tecnici dovessero confermare l’ipotesi paventata fino ad oggi forse i cittadini hanno il dovere di sapere dalla Giunta Galasso perché è stato sottovalutato la condizione di degrado e di abbandono che da anni “ferisce” gravemente Piazza Libertà. Come le Fontane della centralissima Piazza forse l’assessore ai Lavori Pubblici, tra i suoi mille progetti, alcuni dei quali già cantierati e prossimi alla messa in opera, dovrebbe inserire uno screening per tutte quelle opere, nate anni or sono, redigendo un programma di manutenzione perché la pubblica incolumità non possa “pagare” per una distrazione o una sottovalutazione del problema.