Avellino, missione Lanusei. De Cesare: “Ho detto alla squadra di divertirsi”

Avellino, missione Lanusei. De Cesare: “Ho detto alla squadra di divertirsi”

8 febbraio 2019

di Claudio De Vito – Mattinata fitta di impegni per Gianandrea De Cesare che ha fatto la spola tra il Partenio-Lombardi e il Palasport “Giacomo Del Mauro”, avamposti dei due feudi sportivi dell’ingegnere partenopeo che prima ha salutato la squadra in partenza per la Sardegna e poi si è tuffato nella cerimonia di presentazione della nuova divisa della Sidigas.

“La visita alla squadra non era assolutamente in programma” ha spiegato il patron alla vigilia dell’importante appuntamento con la capolista. “Sappiamo benissimo che i nostri prossimi avversari hanno addirittura più punti anche del Bari, che sono primi in classifica e non hanno mai perso in casa, dove giocheranno domani. Teoricamente sembrerebbe una missione impossibile, ma, comunque, noi ci proviamo. Facciamo i lupi. Andiamo a giocarcela con il sorriso sulle labbra e gli artigli affilati.”

“Alla squadra ho detto di andare lì e divertirsi – ha aggiunto De Cesare – l’ho vista troppo sotto pressione. I calciatori non devono lasciarsi sopraffare dall’ansia di vincere a ogni costo: è un gioco, se vogliono portare a casa il risultato possono riuscirci solo divertendosi. Per conquistare i tre punti occorre scendere in campo con il massimo del piacere di giocare. Non so se la mia presenza, questa mattina, allo stadio, possa essere definita significativa. Di certo c’è vicinanza nei confronti della squadra, dell’intero gruppo, che dovrà andare lì per attaccare più che per difendere”.

Un solo risultato a disposizione dei biancoverdi: vincere per continuare a sperare, altrimenti sarà game over. “Intanto però andiamo in Sardegna e impegniamoci fino alla fine – ha puntualizzato il patron biancoverde – poi tireremo le somme. Io insoddisfatto nelle ultime giornate? È una situazione che richiede attenzione, più che insoddisfazione è consapevolezza che la situazione merita di non essere trascurata”.

Ed infatti: “Alcuni cambiamenti nell’assetto organizzativo interno sono già stati fatti – ha rivelato De Cesare – Nuovi dirigenti? Almeno per il momento non arriveranno. Sono cambiate alcune funzioni, che renderemo noto attraverso un comunicato”. Insomma la Calcio Avellino SSD si reinventa per il rilancio che però in larga parte passerà per il terreno di gioco.

Lo sa bene anche Giovanni Bucaro atterrato a Olbia (con due ore di pullman aggiuntive) con ventuno uomini. Fuori causa lo squalificato Ferdinando Sforzini e l’infortunato Alessio Rizzo. Out per scelta tecnica Nicolas Mithra, Domenico Longobardi, Rocco Patrignani ed Ele Tompte. Discorso a parte invece per Vincenzo Pepe, aggregato alla Juniores di Dario Rocco (prima a più sei sul Sorrento) impegnata domani a Gragnano, per acquisire il ritmo partita.

Sarà di nuovo 4-3-3 dal primo minuto con la novità assoluta e tanto agognata Luis Maria Alfageme nel tridente con Alessandro De Vena e Alessio Tribuzzi. In mediana il sacrificato dovrebbe essere Kelvin Matute che farebbe posto a Francesco Buono nel gioco degli under questa volta ad appannaggio di Matteo Dionisi. Santiago Morero ha recuperato e guiderà dalle retrovie il tentativo di remuntada biancoverde.

La probabile formazione dell’Avellino (4-3-3): Viscovo; Dionisi, Morero, Dondoni, Parisi; Buono, Di Paolantonio, Da Dalt; Tribuzzi, De Vena, Alfageme.

La lista dei 21 convocati per la sfida con il Lanusei:

Portieri: Lagomarsini, Pizzella (2001), Viscovo (1999).

Difensori: Betti (2000), Capitanio, Dionisi, Dondoni, Morero, Omohonria (1999), Parisi (2000),

Centrocampisti: Buono (1999), Carbonelli (2000), Da Dalt, Di Paolantonio, Gerbaudo, Matute, Tribuzzi (1998).

Attaccanti: Alfageme, Ciotola, De Vena, Mentana (1999).

Alle 20 la lunga attesa di Lanusei-Avellino a Mixed Zone in diretta sulla Web Tv di Irpinianews.