Avellino – Minaccia di darsi fuoco, 68enne salvato dai Vigili del Fuoco

6 luglio 2005

Avellino – Soffre di disturbi psichici da alcuni mesi e ieri mattina doveva essere ricoverato nel Reaprto di Igiene Mentale dell’ospedale “Landolfi” di Solofra. Un provvedimento che ha fatto scattare la scintilla tant’è che per alcune ore si sono vissuti momenti di paura. L’uomo, un 68enne di Avellino, ha atteso che la moglie uscisse di casa per barricarsi nella sua abitazione, al secondo piano di un immobile di Via Berardi, proprio di fronte alla sede centrale dell’Ufficio delle Poste. Ha iniziato ad inveire contro tutti e tutto, gridando di voler dar fuoco alla casa e a se stesso pur di non essere ricoverato. Intanto è stato lanciato l’S.O.S.: sul posto, in pochi istanti, si sono portati i Carabinieri della Stazione di Avellino, guidati dal Maresciallo Ernesto Primo, i Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Via Annarumma ed un’ambulanza del 118. Alla vista dei soccorritori, l’uomo è uscito in terrazza ed ha minacciato di lanciarsi nel vuoto. Un tragedia evitata grazie alle parole pronunciate dal Comandante Primo che, dopo una lunga trattativa, ha convinto l’uomo a desistere dal compiere l’insano gesto. E mentre i soccorritori intavolavano la trattativa, i Vigili del Fuoco sono riusciti a raggiungere la terrazza con l’ausilio della “scala mobile”. Lo hanno fermato e tratto in salvo. Dopo le prime cure del caso, a sirene spiegato il 68enne è stato trasportato nel Centro di Igiene Mentale di Solofra.