Avellino – Frusciante a difesa del laboratorio d’analisi Asl

26 novembre 2010

Approvata all’unanimità dal Consiglio Provinciale la proposta del Capogruppo dei “Popolari per il Sud” (ex UDEUR) Generoso Frusciante contro il decreto commissario ad acta n. 55 del 30/09/2010. Il decreto sul“Completamento del riassetto della rete laboratoristica” ha previsto, nell’ambito del piano di dismissione, la riorganizzazione/riconversione delle strutture, la soppressione del laboratorio di analisi cliniche distrettuale di Avellino di Via degli Imbimbo con maggiore valenza demografica. Per Generoso Frusciante “Il laboratorio è un centro pubblico di riferimento per il centro antidiabetico del distretto. È struttura di riferimento per le indagini tossicologiche di I° livello per la revisione delle patenti di guida (artt. 186 e 187) per le commissioni medico legali, per la sorveglianza sanitaria del personale A.I.R. e per le case circondariali (Bellizzi e Lavoro). Il laboratorio chiude per pareggiare i conti sul riassetto economico della sanità campana. Questo centro è autosufficiente ed attivo dal punto di vista economico. Le entrate sono maggiori delle spese e le macchine sono in comodato. Sono questi elementi che danno valore aggiunto all’assistenza e che contribuiscono a rafforzare il rapporto fiduciario con il cittadino. Infine, conclude ” Vorrei sapere perché si chiude con leggi o decreti sempre il pubblico e si favorisce sempre di più il privato”. Generoso Frusciante spiega che “Ciò vuol dire che viene soppresso l’unico laboratorio pubblico dell’ASL capofila cioè della città di Avellino. Assistiamo ancora una volta alla soppressione in terra irpina di servizi sanitari pubblici per gli essenziali bisogni e del diritto alla salute del cittadino”. E spiega nei particolari la funzione: ” una prima considerazione riguarda l’integrazione delle attività del laboratorio con l’assistenza primaria e specialistica erogata nel distretto. Riscontriamo, infatti, un crescente favore per i pazienti in trattamento chemioterapico e/o con anticoagulanti orali che si rivolgono al laboratorio distrettuale. Analogo valore aggiunto rivestono le attività del laboratorio nell’organizzazione e nel funzionamento del centro antidiabetico, l’unico pubblico distrettuale. Sono, questi, elementi che danno valore aggiunto all’assistenza e che contribuiscono a rafforzare il rapporto fiduciario con i cittadini. È inutile che vi descrivo il funzionamento di questo laboratorio, basti pensare che gli esami di routine, vengono consegnati in giornata, quelli specialistici entro 2 giorni. La necessità di riassetto della rete laboratoristica per le particolari condizioni create dal deficit strutturale che caratterizza i conti della sanità campana in nome del piano di rientro è dunque, indispensabile procedere alle riorganizzazioni/riconversioni, riallocazioni o dismissioni delle strutture, così come indicato al punto 2 del DECRETO N. 55. Questo laboratorio è economicamente autosufficiente infatti il controvalore delle prestazioni erogate nella proiezione al 31.12.2010 ammonta ad € 883.000,00 circa a fronte di costi (personale, materiali di consumo, beni e servizi, utenze) valutati in € 837.000,00 che può essere riscontrato presso il “controllo di gestione”. “Perché si chiude l’unico laboratorio pubblico distrettuale della città capofila a maggiore valenza demografica, ma restono aperti tutti i laboratori privati convenzionati con il servizio sanitario nazionale” è la domanda che si pone Frusciante. “Considerato che la soppressione del laboratorio non comporterà l’auspicata riduzione della spesa; ma c’è ancora dell’altro: il laboratorio è anche una struttura di riferimento per le indagini tossicologiche di 1° livello a valenza clinica e medico legale, rilievo sociale come il SERT e le case circondariali (Bellizzi e Lauro), Revisioni patenti di guida (art. 186 e art. 187) l’accertamento dell’assistenza di tossicodipendenza (abuso di sostanze stupefacenti e psicotrope), Personale addetto a mansioni a rischio (decreto regionale 1448/2009), adozioni dei minori, Controllo Medico-Legale Sorveglianza Sanitaria Personale A.I.R. Ed infine per chiudere voglio sottolineare la particolare attività svolta dal laboratorio a favore della commissione medico locale per la revisione delle patenti di guida seguendo un protocollo di particolare rigore per la custodia del materiale biologico e un costante controllo dei soggetti nella fase di prelievo e dei campioni in fase pre e post-analitica. Nel riordino forse è prevista la sala prelievo”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.