Avellino/ Dalla Regione nuove proposte per l’imboschimento territoriale

15 maggio 2005

Avellino – Le richieste per gli imboschimenti dei terreni agricoli relativi alla misura ‘H’ e previsti dall’attuazione del Piano di Sviluppo Rurale avranno scadenza il prossimo 13 giugno. Tutti possono accedere ai contributi messi a disposizione dalla Regione Campania. La somma, corrispondente a 4.830 euro per ettaro di terreno, consentirà di rigenerare l’arboricoltura da legno, nonché assicurare da un punto di vista idrogeologico, stabilità alla superficie agricola. Grandi vantaggi anche per chi investe. Infatti, l’arboricoltore che beneficerà del contributo regionale, potrà usufruire di manutenzione del terreno per 5 anni. L’iniziativa appare vantaggiosa anche in ambito europeo. Basti pensare che la verrà diminuita l’importazione del legname dai paesi extraeuropei, favorendo il mercato italiano. Ma non solo. Aumentando la produzione del legno si offre la possibilità di produrre energia alternativa al petrolio, sempre più raro, costoso e prezioso. Ultimo beneficio, l’aspetto ambientalistico e la conseguente riduzione di anidride carbonica nell’atmosfera. Il progetto, presentato in Irpinia lo scorso 13 maggio, presso l’aula convegni della Banca della Campania, dal dirigente Stap Foreste Avellino, ha sottolineato a più voci l’importanza del rimboschimento come occasione di sviluppo anche per il nostro territorio. Presenti all’incontro seminariale, Vincenzo Alaia, assessore provinciale all’Agricoltura, Pasquale Izzo, responsabile regionale Misura ‘H’, Modestino Cipolletta, responsabile P.O. Referente Misura Psr, Giovanni Ardolino, responsabile P.S. Gestione Psr.