Avellino, Capuano: “Catanzaro tigre ferita. Taibi? Non ha visto la partita”

Avellino, Capuano: “Catanzaro tigre ferita. Taibi? Non ha visto la partita”

1 Novembre 2019

di Claudio De Vito. Il tecnico dell’Avellino Ezio Capuano ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Catanzaro: “Sono orgoglioso di come abbiamo giocato contro la Reggina. Il direttore Taibi forse non ha visto la partita perché è abituato a viverla con una certa tensione. Se guardiamo le occasioni e la condotta dell’arbitro, rimango sbigottito che un dirigente di tale spessore possa dire cose simili. La prossima volta si facesse raccontare meglio la gara. Abbiamo subito uno dei più grandi scippi della storia recente”.

“Riscatto? Veniamo da buone prestazioni e mi aspetto ancora una crescita – ha aggiunto Capuano – dobbiamo ridurre gli errori. Affrontiamo il Catanzaro, poi teniamo al passaggio del turno di coppa e dopo penseremo al Potenza. Il Catanzaro è in difficoltà, da parte nostra ci metteremo umiltà nell’approcciare questa partita. Meola? Può tornare utile per avere un’alternativa a Celjak a destra. Se sarà tesserato dovete chiederlo al direttore Di Somma”.

“Dovrà essere un Avellino aggressivo come al solito – ha sottolineato – dovremo tenere il Catanzaro lontano dalla nostra porta. Davanti hanno calciatori di grande qualità quindi dovremo essere bravi a limitarli. Andare lì ed aspettare può rivelarsi deleterio. Il Catanzaro è una tigre ferita e ciò è un aspetto che deve metterci in guardia”.