Avellino Calcio – L’ultima prima del digiuno: Castaldo scalda i motori per il Lanciano

Avellino Calcio – L’ultima prima del digiuno: Castaldo scalda i motori per il Lanciano

31 luglio 2015

La quarta edizione del Trofeo “Guglielmo Maio” non sarà una semplice amichevole pre-campionato per Luigi Castaldo. Per il bomber di Giugliano, infatti, la gara in programma domenica sera (ore 20:30) al “Guido Biondi” di Lanciano contro la Virtus di Roberto D’Aversa rappresenterà l’ultima occasione per scendere in campo prima di espiare le proprie colpe sul caso Nocerina.

La squalifica di quattro mesi dell’attaccante dell’Avellino ha iniziato a decorrere da lunedì, ma il club biancoverde ha chiesto e ottenuto una deroga del presidente di Lega Andrea Abodi sul suo impiego per i match con Espanyol e Lanciano.

Contro i catalani, Castaldo ha giocato poco più di metà tempo subentrando a Tavano al 19′ della ripresa e realizzando il penalty del momentaneo 2-1 nella sequenza dei calci di rigore che ha premiato gli avversari. Per domenica invece Attilio Tesser con ogni probabilità lo schiererà titolare per regalargli l’ultima passerella prima del “letargo” forzato. In coppia con lui potrebbe giocare uno tra Benjamin Mokulu e Demiro Pozzebon, oggi in permesso per la nascita della figlia Michelle.

Il test in terra abruzzese servirà inoltre al tecnico veneto per reinserire Angelo Rea ed eventualmente Antonio Zito, reduci dai rispettivi acciacchi. In porta, Pierluigi Frattali potrebbe lasciare il posto a Daniel Offredi, mentre a centrocampo non ci sarà la possibilità di vedere all’opera l’ultimo arrivato William Jidayi. 

Oggi la squadra si è allenata sia al mattino che al pomeriggio nella palestra del “Partenio-Lombardi”. All’appello sono mancati i soliti convalescenti Angelo D’Angelo e Romulo Togni. I lupi torneranno ad allenarsi nel pomeriggio di domani alle 17:30 a Torrette di Mercogliano. La partenza per l’Abruzzo è prevista per domenica mattina, mentre il rientro al termine dell’impegno amichevole. Lunedì e martedì poi la squadra usufruirà di 48 ore di riposo.