L’Avellino non si ferma più: tripudio playoff a Monopoli

L’Avellino non si ferma più: tripudio playoff a Monopoli

15 dicembre 2019

Monopoli, Claudio De Vito. Non si arresta la marcia dell’Avellino che stende anche il Monopoli con una prova autoritaria. 2-0 il risultato sulla vice capolista grazie alle perle firmate Parisi nel primo tempo e Di Paolantonio nella ripresa. Poker di vittorie consecutive per i lupi che sfondano in piena zona playoff con un crescendo di prestazioni e convinzione nei propri mezzi.

Capuano conferma l’orientamento della vigilia ma abbandona l’idea del 3-4-2-1 per mettersi a specchio con il 3-5-2 avversario in cui Micovschi fa la spalla di Alfageme, gettato nella mischia come riferimento avanzato a causa delle non perfette condizioni di Albadoro e della contestuale pesante assenza di Charpentier. Rossetti non ce la fa e non figura nemmeno in panchina. In difesa si rivedono capitan Morero e Illanes. Nel Monopoli invece le novità rispetto ad una settimana fa sono Jefferson, che torna a far coppia in attacco con Fella, e Hadziosmanovic che sulla destra del 3-5-2 rileva Triarico.

Primo tempo – Sotto gli occhi del vicepresidente Nicola Circelli e dell’amministratore delegato Filippo Polcino, la gara si incanala sin da subito lungo i binari dell’equilibrio. Molti contatti all’interno del rettangolo di gioco, uno dei quali dubbio in area monopolitana al 15′ che però l’arbitro valuta come simulazione dell’argentino che, diffidato, salterà il Catania. Due minuti dopo invece lupi a pochi centimetri dal vantaggio con Laezza che esce dai blocchi e colpisce di testa in tuffo sul cross da corner di Di Paolantonio spedendo di pochissimo a lato.

Al 20′ ancora Avellino con Micovschi che scambia con Alfageme e poi dal limite carica il sinistro che Antonino per poco non respinge sui piedi di Parisi che però sale in cattedra al 27′ portando avanti i suoi. L’esterno dell’Avellino mette il turbo a sinistra superando in velocità due avversari, entra in area e conclude sotto la traversa. La sua è una prodezza magistrale che vale la terza marcatura in stagione, la seconda consecutiva. 1-0 Avellino tra la meraviglia di tutto il “Veneziani”.

Il Monopoli è frastornato e prova a scuotersi al 33′ con Giorno che carica il destro dalla distanza che Tonti deve disinnescare in due tempi. E’ tutta qui la reazione degli uomini di Scienza che faticano a trovare sbocchi in una manovra farraginosa e prevedibile. L’ultimo appunto del primo tempo allora lo regala Laezza che, ammonito, sarà costretto a saltare la trasferta di Catania proprio come Alfageme.

Secondo tempo – La ripresa si apre con una girata in area di Fella che al 3′ trova Tonti preparato sul palo di competenza. Lo è certamente meno il suo collega Antonino sul calcio di punizione di Di Paolantonio che al 4′ si insacca sotto l’incrocio. L’Avellino raddoppia grazie al capolavoro balistico del suo regista autore di una parabola ad aggirare la barriera e tre minuti dopo di una staffilata dai 25 metri che per poco non fissa il risultato sul 3-0.

Lupi sbarazzini ed in pieno controllo del match, poi al 12′ i due neo entrati Triarico e Donnarumma confezionano una chance per i padroni di casa: cross dalla destra e intervento volante sul secondo palo con brivido lungo la schiena di Tonti graziato dall’esterno mancino. Poco dopo anche Morero finisce sul taccuino dei cattivi e anche lui non partirà per Catania figurando nell’elenco dei diffidati.

Al 22′ ancora Donnarumma protagonista con una traversa colpita direttamente su calcio di punizione a rientrare dalla trequarti: la traiettoria per poco non sorprende Tonti nettamente fuori posizione. Il Monopoli preme e due minuti dopo sfiora l’1-2 con Carriero che accelera e penetra dentro l’area e poi scaglia un destro che supera di poco il montante. Al 27′ invece è il solito Donnarumma a creare il panico presentandosi a tu per tu con Tonti ma una chiusura monumentale di De Marco lo blocca al momento del tiro.

Sul capovolgimento di fronte Micovschi si fa vedere a destra e poi serve Silvestri che al limite colpisce troppo debolmente e centralmente per impensierire il portiere. Il rumeno invece preferisce mettersi in proprio al 31′ con una botta di sinistro dalla distanza fuori misura. Non conclusioni letali ma almeno break vitali per alleggerire la pressione della formazione di Scienza che si rifa vedere nel finale, ma è costretta ad arrendersi di nuovo alla traversa che salva ancora una volta Tonti sulla parabola velenosa dalla destra di Tazzer al minuto 43′. L’Avellino allora può esultare aggiungendo un altro tassello al suo magic moment.

Monopoli-Avellino 0-2, il tabellino

Marcatori: 27′ pt Parisi, 4′ st Di Paolantonio.

Monopoli (3-5-2): Antonino; Rota, De Franco, Mercadante (9′ st Donnarumma); Hadziosmanovic (9′ st Tazzer), Carriero, Giorno (10′ st Triarico, 22′ st Cupppone), Piccinni, Antonacci; Jefferson (34′ st Salvemini), Fella.

A disp.: Milli, Menegatti, Pecorini, Cavallari, Tuttisanti, Mariano, Nina. All.: Scienza.

Avellino (3-5-2): Tonti; Laezza, Morero, Illanes; Celjak, Silvestri, Di Paolantonio, De Marco (36′ st Evangelista), Parisi; Alfageme (35′ st Albadoro), Micovschi (45′ st Karic).

A disp.: Abibi, Zullo, Njie, Carbonelli, Acampora, Petrucci. All.: Capuano.

Arbitro: Santoro di Messina Assistenti: Barone di Roma 1 e Bertelli di Busto Arsizio.

Note: ammoniti 15′ pt Alfageme, 39′ pt Laezza, 32′ st Tonti, 38′ st Carriero, 41′ st Micovschi per comportamento non regolamentare, 30′ pt De Marco, 45′ pt Rota, 13′ st Morero per gioco scorretto, angoli 5-1, recuperi 0′ pt e 5′ st.