DIARIO DAL RITIRO/ Novellino predica calma: “Non sono preoccupato”

29 luglio 2017

Cascia, Claudio De Vito – “Non sono preoccupato, perché dovrei esserlo?”. Nel post sconfitta con il Taranto Walter Novellino non fa drammi, anzi rilancia perché è convinto di poter vedere già un altro Avellino tra una settimana all’esordio in Tim Cup contro Matera o Casertana.

“E’ stato un buon test al di là del risultato – ha commentato il tecnico biancoverde – stamattina abbiamo lavorato, quindi è normale che non il fisico si fa fatica. Ho visto cose buone e altre meno buone, ma fa parte del pre-campionato. L’importante per me era vedere certi meccanismi, nel secondo tempo c’è stata un’ottima reazione”.

“Dobbiamo migliorare sulla velocità – ha aggiunto – la preparazione qui a Cascia è stata positiva, adesso attendiamo le partite che contano a partire dalla Coppa Italia, sono convinto che la squadra saprà dare un risposta diversa sia sul piano del risultato che sul piano della freschezza atletica”.

Le giocate non riescono alla perfezione perché “è a livello fisico che si fa fatica”. Meccanismi tattici da migliorare ed una squadra da completare sul mercato ma Walter Novellino ha glissato sull’argomento. “La società sa quello che deve fare” ha sottolineato il trainer di Montemarano che ha anche chiarito l’episodio del blitz durante la conferenza stampa di Federico Moretti.

“Ambiziosi sì, ma ci vogliono i giocatori” aveva affermato spiazzando tutti nella sala stampa dell’Hotel Monte Meraviglia. “Volevo soltanto stimolare Moretti – ha precisato Walter Novellino – era una battuta nei suoi confronti, poi sono subentrati altri fattori e qualcuno ha frainteso”.

48 ore di pausa poi si tornerà in campo con il mercato sullo sfondo. La settimana prossima dovrebbe essere quella buona per l’arrivo in prestito dal Sassuolo di Riccardo Marchizza. Riflettori puntati però soprattutto tra le linee dove Walter Novellino attende un fantasista per garantire maggiore imprevedibilità al suo 4-1-4-1.