Avellino Calcio – Stadio, la querelle ad un bivio

Avellino Calcio – Stadio, la querelle ad un bivio

14 settembre 2017

Querelle Partenio-Lombardi: la resa dei conti è dietro l’angolo. Il Comune di Avellino ha fissato il prezzo da corrispondere all’Unione Sportiva Avellino per i lavori effettuati dal 2013 al 2015, stimando 320mila euro da versare nelle casse del club di Walter Taccone.

A sua volta, la società biancoverde è debitrice di 800mila euro per i canoni non pagati dal 2009, cifra alla quale vanno ad aggiungersi le tre mensilità di luglio, agosto e settembre di quest’anno. Nessuna compensazione: sarà possibile soltanto rateizzare il debito.

A palazzo di città non intendono aspettare ancora anche perché la Corte dei Conti è vigile e potrebbe bussare alla porta del settore Patrimonio per chiedere spiegazioni in merito al mancato recupero dell’ingente somma. Se l’Avellino non dovesse pagare, allora il Comune adirebbe le vie legali.

L’apertura del contenzioso straccerebbe la convenzione in essere, con l’Avellino che non potrebbe più usufruire dello stadio Partenio-Lombardi. La querelle questa volta sembra essere giunta davvero ad un bivio.