Otto squilli alla Primavera: è pronto l’Avellino anti-Ascoli

Otto squilli alla Primavera: è pronto l’Avellino anti-Ascoli

by 30 novembre 2016

Dal Partenio-Lombardi – Alla fine gli applausi convinti dei circa cento tifosi infreddoliti della Montevergine hanno rimbombato nella quiete del Partenio-Lombardi.

L’Avellino ha superato 8-0 la Primavera con quattro reti per tempo, ma non è stato certo il largo risultato ampiamente preventivabile a strappare l’incoraggiamento dei supporters della tribuna, i quali piuttosto hanno ritrovato l’entusiasmo ed intendono trasmetterlo alla squadra e al nuovo allenatore.

E proprio Walter Novellino è il massimo interprete del nuovo clima che ha preso piede nell’ambiente biancoverde di nuovo coeso e compatto in vista delle sfide di dicembre. Il test con i lupacchiotti – impegnato sabato mattina contro l’Udinese a Pratola Serra – ha permesso all’erede di Toscano di effettuare un primo significativo collaudo al 4-4-2 da opporre all’Ascoli e più in generale da praticare da qui alla fine del campionato.

A sorpresa, Novellino ha schierato Donkor a sinistra in difesa nell’undici di partenza. Un ruolo insolito per il ghanese, che però potrebbe essere rispolverato per motivi di opportunità legati alle caratteristiche del prossimo avversario sul lato in questione dove Almici e Orsolini sono molto rapidi. Gonzalez, Djimsiti e Perrotta ai soliti posti di combattimento davanti a Radunovic.

Centrocampo più statico con Lasik e Jidayi da contrapporre a Giorgi e Addae attori del rombo di Aglietti. Più probabile però l’utilizzo contro l’Ascoli di un mediano “piccolo” come Omeonga o D’Angelo (ancora fuori causa Paghera che salterà la sfida di sabato) ed uno “grande” con lo slovacco e l’ex Juve Stabia alternative del caso. Verde e Crecco larghi con Belloni e Bidaoui in alternativa.

Netta l’impostazione sulle corsie del centrocampo: un lato più offensivo e l’altro maggiormente razionale per non scompaginare l’equilibrio complessivo. L’interprete offensivo è votato all’accentramento dando vita ad un 4-3-1-2 in fase di possesso. Pochi dubbi ormai sulla coppia d’attacco che sarà composta da Castaldo e Ardemagni.

Anche se Mokulu si è messo in luce nel secondo tempo con due acuti, uno dei quali di tacco al termine di una ficcante combinazione con Camarà. Doppietta anche per Verde ed una realizzazione a testa per Ardemagni e Castaldo. Attaccanti in evidenza dunque e nel mezzo anche un gol a testa per Belloni e Diallo.

Oltre a Paghera, non hanno partecipato al test anche Soumarè, ancora alla prese con la lombalgia, e Migliorini. Il difensore lamenta un’infiammazione al ginocchio sinistro operato a marzo e dovrebbe saltare sia l’Ascoli che il Benevento.

Avellino-Avellino Primavera 8-0: Ardemagni, Verde, Castaldo, Verde, Belloni, Diallo, Mokulu, Mokulu.

Avellino pt (4-4-2): Radunovic; Gonzalez; Djimsiti, Perrotta, Donkor; Verde, Lasik, Jidayi, Crecco; Ardemagni, Castaldo.
Avellino st (4-4-2): Frattali; Cozzolino, D’Attilio, Diallo, Asmah; Belloni, D’Angelo, Omeonga, Bidaoui; Mokulu, Camarà.