Avellino Calcio – Novellino, avanti tutta con il cambio di modulo

Avellino Calcio – Novellino, avanti tutta con il cambio di modulo

7 marzo 2017

Dal Partenio-Lombardi – Ogni giorno che passa le idee in ottica Spezia si delineano in maniera sempre più marcata nella testa di Walter Novellino. Oggi l’Avellino ha lavorato al mattino e al pomeriggio tra palestra, campo e tattica, quest’ultima destinata a cambiare in vista del prossimo delicato impegno.

I biancoverdi cercheranno il riscatto attraverso un mutamento dell’impostazione tattica. Il tecnico di Montemarano ha proseguito in giornata lungo il sentiero di preparazione della sfida in terra ligure improntato al varo del 4-3-3, destinato almeno per questa gara a soppiantare l’abituale 4-4-1-1. Da parte di Novellino c’è tutta l’intenzione di schierarsi a specchio rispetto all’avversario adottando un modulo già abbozzato per alcuni tratti della gara con il Vicenza.

Insomma sarà un Avellino rivoluzionato nello scacchiere e negli interpreti alla luce delle assenze di Djimsiti e Gonzalez, entrambi appiedati per un turno dopo i rispettivi rossi incassati contro il Perugia. A La Spezia sarà il turno Migliorini al posto del colosso albanese e di Perrotta, in netto vantaggio su Solerio a sinistra in virtù del ritorno a destra di Laverone. Fin qui lo stravolgimento sul piano degli interpreti che coinvolge un reparto difensivo invariato nella disposizione sulla linea a quattro.

Dalla cintola in su la rivoluzione tattica. Tre uomini per rimpolpare la mediana: Moretti playmaker, Paghera e Omeonga interni. Novellino ha in mente un posizionamento peculiare per Paghera incaricato di alzarsi per aggredire il portatore di palla avversario. Fosforo alla fonte di gioco e muscoli a supporto per garantire la parità numerica a centrocampo contro lo Spezia.

D’Angelo non è al meglio: per lui oggi ancora lavoro a parte per smaltire il colpo al costato della scorsa settimana. Il tridente sarà guidato da Ardemagni centralmente con Lasik a destra e Verde a sinistra pronti ad abbassarsi sulla linea dei centrocampisti durante il non possesso. Questo l’abito tattico per la sfida del “Picco” che Novellino continuerà a cucire addosso all’Avellino domani nel test a porte chiuse contro la Primavera.

Assente anche oggi Radunovic in permesso e atteso di nuovo in campo domani. Asmah e Gavazzi continuano a sostenere i rispettivi programmi personalizzati. Ci vorrà ancora qualche settimana prima di rivederli all’opera. Gavazzi, out da metà settembre per la rottura del crociato, dovrebbe essere pronto da metà marzo. Il ghanese (guai alla caviglia nel derby di Natale) invece soltanto ieri ha iniziato a correre senza forzare.