Avellino Calcio – Da Maniero a Raicevic: un altro bomber da prendere con i centimetri

Avellino Calcio – Da Maniero a Raicevic: un altro bomber da prendere con i centimetri

15 febbraio 2016

Claudio De Vito – La trasferta di Vicenza metterà l’Avellino di fronte ad un’altra bocca di fuoco del campionato di Serie B la cui classifica marcatori è dominata in lungo e in largo dal pescarese Gianluca Lapadula.

I biancoverdi dovranno infatti prendere le misure a Filip Raicevic, attaccante montenegrino di un metro e novanta esploso in questo torneo alla corte di Pasquale Marino dove ha realizzato finora dieci gol. L’ariete di Podgorica, prelevato in estate dalla Lucchese, è stato blindato nell’ultimo giorno di mercato quando il suo club ha detto no alla cessione per due milioni al Napoli che successivamente lo avrebbe girato in prestito al Carpi.

La difesa dell’Avellino ha in serbo per lui un trattamento di riguardo sulla scorta della minaccia Riccardo Maniero sperimentata sabato al “Partenio-Lombardi”. Il panzer del Bari è riuscito a violare la porta di Pierluigi Frattali in acrobazia sfruttando il divario fisico con Constantin Nica, ritrovatosi a marcarlo sul riposizionamento della retroguardia orfana nell’occasione di Angelo Rea.

Rispetto a Maniero, Raicevic vanta una statura ancora più possente in altezza che Attilio Tesser potrebbe decidere di limitare scegliendo Marco Migliorini al centro della difesa. Complice l’assenza per squalifica di Marco Chiosa infatti il pacchetto centrale dei lupi si prospetta molto più strutturato sul piano dei chili e dei centimetri con lo stesso Rea riabilitato e William Jidayi al rientro.

Ma Raicevic sarà soltanto il terminale di una macchina offensiva che sugli esterni del tridente proporrà l’estro e l’inventiva di Cristian Galano e Stefano Giacomelli. Lo si è visto già nella gara d’andata quando il Vicenza banchettò al Partenio-Lombardi con i suoi interpreti d’attacco.

Dunque l’Avellino dovrà contenere il più possibile la boa Raicevic, che non segna dall’esterna barese del 23 gennaio, e brevettare i giusti meccanismi sulle fasce difensive dove un terzino bloccato come Chiosa sarebbe tornato utile. A destra, per fronteggiare Giacomelli, Tesser dovrà decidere se riproporre Biraschi o confermare Nica, mentre a sinistra, il lato di Galano, Pietro Visconti è l’unica soluzione in virtù dell’infortunio di Francesco Pisano.