Avellino Calcio – Il punto sulla difesa: dal mercato altre due pedine

Avellino Calcio – Il punto sulla difesa: dal mercato altre due pedine

14 giugno 2015

Il mercato biancoverde è decollato in settimana con i primi colpi in una difesa rivoluzionata ma vicina ad essere completata.

L’Avellino preme sull’acceleratore per completare l’organico del reparto difensivo. Quella che si appresta a chiudere i battenti è stata una settimana cruciale non soltanto per il repentino cambio in panchina, ma anche sul fronte mercato. Cinque gli affari condotti in porto dalla dirigenza biancoverde che non si è fatta cogliere impreparata dal nuovo tecnico Attilio Tesser almeno per quel che riguarda i rinforzi di una difesa da restaurare.

L’operato del tandem di uomini mercato Massimiliano Taccone-Enzo De Vito ha prodotto, oltre all’innesto del portiere Daniel Offredi, gli arrivi di Davide Biraschi, Milan Nitriansky, Maxime Giron (ufficiale a giorni) e Angelo Rea, annunciato ieri mattina direttamente dal dg Taccone.

Come la scorsa estate, l’Avellino ha scelto ancora una volta il mercato-lampo, anche se Biraschi e Nitriansky erano nell’aria già da mesi. Sta di fatto che con Fabio Pisacane e Pietro Visconti confermati, il quadro in difesa va delineandosi. Al momento infatti Tesser per la sua linea difensiva a quattro può contare su altrettanti centrali – Rea, Biraschi, Nitriansky e Pisacane con licenza di jolly verso la fascia destra – e due esterni mancini come Visconti ed il suo vice, Giron.

Per completare il pacchetto di difensori mancano all’appello un altro difensore centrale ed un laterale destro. Nel primo caso, l’Avellino è caccia di un elemento per il centrosinistra, di conseguenza dal piede mancino, ed in tal senso il club di Taccone starebbe tentando di rinnovare il prestito di Marco Chiosa con il Torino. Per l’altro ruolo, perso Luca Bittante destinato ad essere acquisito interamente dalla Fiorentina, l’obiettivo potrebbe concretizzarsi in una trattativa speculare con l’Atalanta, vale a dire quella per Alberto Almici. Tesser però valuterà strada facendo l’eventuale titolarità sulla corsia di destra di Pisacane, che nel 4-3-1-2 praticato da Massimo Rastelli ha compiuto passi da gigante in fase propositiva.