Avellino Calcio – Foscarini affina il piano anti-Perugia. Si fermano in due

Avellino Calcio – Foscarini affina il piano anti-Perugia. Si fermano in due

6 aprile 2018

Dal Partenio-Lombardi, Claudio De Vito – In campo all’ora di cena per prendere confidenza con il Monday Night. L’Avellino punta il Perugia e lo fa sotto i riflettori di una fresca serata di inizio aprile, la terza di Claudio Foscarini da allenatore biancoverde. Il tecnico trevigiano si avvicina all’esordio consapevole di ritrovarsi tra le mani un materiale umano nel complesso valido da assemblare nel migliore dei modi.

Serve tempo per imprimere la propria idea di calcio ma il treno salvezza non aspetta. D’ora in poi vietato fermarsi ancora, soprattutto in casa propria violata di recente due volte di fila. Claudio Foscarini cerca la prima d’impatto contro un Perugia in stato di grazia che vuole proseguire la sua corsa nei quartieri alti della classifica. Il 3-5-2 di Roberto Breda è stato riprodotto sul sintetico del Partenio-Lombardi per le prove generali a livello tattico.

Di contro, il 4-4-1-1 proposto in continuità sia strettamente tattica che tutto sommato anche a livello di interpreti rispetto alla gestione targata Walter Novellino. Nei piani del suo successore, le quotazioni di Simone Pecorini sono in rialzo ai danni di Lorenzo Laverone per il ruolo di terzino destro. Per il resto della difesa, confermato l’assetto proposto sin dall’inizio con Marco Migliorini titolare al posto dell’infortunato Anton Kresic accanto a Pierre Ngawa e Simone Rizzato largo a sinistra.

Maggiormente delineata anche l’impostazione del centrocampo con Salvatore Molina e Angelo D’Angelo esterni. La soluzione con il capitano sulla fascia piace a Claudio Foscarini che però ha in mente un ruolo di jolly per il mediano di Ascea, chiamato anche ad accentrarsi con la trasformazione del dispositivo tattico in un una speranza di 4-3-1-2 atipico per le caratteristiche del fantasista utilizzato. È il piano B del Ferguson del Piave, una possibile alternativa a gara in corso qualora l’Avellino – come spesso accaduto – dovesse soffrire l’inferiorita numerica in mezzo al campo.

Francesco Di Tacchio e Carlo De Risio i mediani a protezione della difesa. In avanti Luigi Castaldo e  Raul Asencio con Leonardo Morosini e Matteo Ardemagni opzioni a gara in corso. Dovrebbero saltare invece le opzioni Armando Vajushi e Bryan Cabezas. L’albanese ha subito un colpo al piede destro in uno scontro di gioco, l’ecuadoregno invece ha lasciato il campo toccandosi il flessore (affaticamento). Soufiane Bidaoui ha ancora corso a parte. Ai box con Anton Kresic, Davide Gavazzi e Ionut Radu. L’emergenza infortuni non finisce mai.