Avellino Calcio – Derby in rosso: le decisioni del Giudice Sportivo

Avellino Calcio – Derby in rosso: le decisioni del Giudice Sportivo

13 marzo 2018

Come accaduto già in occasione dell’andata, il Giudice Sportivo ha avuto il suo bel da fare sul derby di domenica che l’Avellino ha concluso in nove uomini per le espulsioni di Salvatore Molina e Raul Asencio, entrambe decretate per rosso diretto nei minuti finali dal direttore di gara Gianluca Aureliano.

Stangato – come prevedibile – l’attaccante con due turni di squalifica, una sola giornata invece per il centrocampista. 2mila euro di ammenda invece per Lorenzo Laverone, protagonista con il team manager della Salernitana Salvatore Avallone di un parapiglia all’imbocco del tunnel degli spogliatoi a fine partita.

Ammenda comminata “per avere, al termine della gara, mentre rientrava negli spogliatori, rivolto ai sostenitori della squadra avversario un gesto offensivo”. Avallone invece è stato inibito fino al 27 marzo “per avere, al termine della gara, tentato di aggredire un calciatore della squadra avversaria”. Laverone appunto.

Ammonito all’ “Arechi”, Francesco Di Tacchio è entrato in diffida facendo compagnia a Lorenzo Laverone e Nicola Falasco già a rischio squalifica da alcune giornate.

Ma non è finito qui perché il Giudice Sportivo ha inflitto una pesante ammenda di 12mila euro al club padrone di casa “per avere suoi sostenitori, al 4° del primo tempo, lanciato sul terreno di giuoco un oggetto di plastica che colpiva un calciatore avversario (Pierre Ngawa, ndr) senza causargli alcuna conseguenza lesiva; per avere inoltre, suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato cinque petardi nel settore occupato dai sostenitori della squadra avversaria; per avere quindi, suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato numerosi oggetti di vario genere sul terreno di giuoco; infine, a titolo di responsabilità oggettiva, per avere un proprio steward in servizio nel recinto di giuoco, al termine della gara, tentato di aggredire un dirigente della squadra avversaria; recidiva; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lettera b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

E ancora la Salernitana rischia la chiusura del settore Distinti per la prossima partita casalinga per il lancio di petardi all’indirizzo dei tifosi avellinesi assiepati nel settore ospiti. Il Giudice Sportivo “letto il rituale e dettagliato rapporto dei collaboratori della Procura Federale in ordine al lancio di petardi effettuato dai sostenitori della Soc. Salernitana al 9° del primo tempo, riservata ogni decisione in merito, dispone che, al fine di ogni opportuna valutazione circa la gravità dei fatti stessi, venga acquisito a cura della Procura Federale, con la massima sollecitudine consentita, la relazione formale del Responsabile per l’Ordine Pubblico in ordine ai fatti accaduti che dia precisa contezza anche dell’eventuale ferimento di agenti delle Forze di Polizia, nonché dell’eventuale concreta cooperazione della Soc. Salernitana con le Forze dell’Ordine a fini preventivi, di vigilanza e di individuazione dei responsabili dell’accaduto”.