Avellino Calcio – Oltre al danno la beffa: due giornate di squalifica per Biraschi

13 ottobre 2015

La beffa, oltre il danno, che l’Avellino temeva.

Davide Biraschi è stato squalificato per due turni dal Giudice Sportivo dopo l’espulsione per somma di ammonizioni rimediata a Livorno.

Il secondo cartellino giallo era stato sventolato dall’arbitro Minelli per sanzionare l’inesistente tocco con il braccio da cui era poi scaturito il rigore del pari labronico.

Biraschi è stato punito con due giornate di stop “… per comportamento non regolamentare in campo e per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; per avere, all’8° del secondo tempo, all’atto del provvedimento di espulsione, assunto un atteggiamento irrispettoso nei confronti del Quarto Ufficiale”, si legge nel comunicato ufficiale del Giudice Sportivo. Il quarto uomo in questione è Leonardo Baracani, l’arbitro delle polemiche dello scorso marzo a Catania.

Il difensore dell’Avellino, al termine del match di Livorno, si era intrattenuto con i dirigenti irpini per manifestare tutto il suo scoramento per l’inesistente tocco col braccio (così come dimostrato dalle moviole) e per la conseguente espulsione contro gli amaranto.

Stangata invece per il livornese Marco Moscati, anche lui espulso nella ripresa “per avere, al 33° del secondo tempo, rivolto un epiteto insultante ad un Assistente; per avere inoltre, mentre usciva dal terreno di giuoco, proferito espressioni blasfeme; quest’ultima infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale”.