Avellino-Cittadella, le probabili formazioni

Avellino-Cittadella, le probabili formazioni

1 Maggio 2018

di Claudio De Vito – L’Avellino deve provare a battere un Cittadella in salute per guardare la classifica da un’altra prospettiva. Il lunch match del Partenio-Lombardi mette di fronte umori e obiettivi opposti per novanta minuti da vivere in costante tensione.

Foscarini ritrova da avversario il ‘suo’ Cittadella e ha in mente di batterlo rispolverando Morosini in quello che nelle intenzioni assomiglia più ad un 4-2-3-1. Il fantasista ex Brescia è pronto a supportare Castaldo con Vajushi e Molina larghi per il sostegno dagli esterni. D’Angelo sta meglio ed insidia De Risio e Di Tacchio. In difesa out Ngawa ma c’è Falasco a sinistra.

Venturato dal canto suo perde Lora e si appresta a varare un corposo turnover. In difesa torna Scaglia al fianco di Varnier. Capitan Iori potrebbe rifiatare sul vertice basso del rombo. Su quello alto invece Schenetti va verso la riconferma con tre gol nelle ultime due gare. Davanti a lui potrebbe essere rivoluzione con Strizzolo e Arrighini in pole come interpreti della linea offensiva.

Le probabili formazioni di Avellino-Cittadella:

Avellino (4-2-3-1): Radu; Laverone, Morero, Migliorini, Falasco; De Risio, Di Tacchio; Vajushi, Morosini, Molina; Castaldo.

A disp.: Casadei, Lezzerini, Moretti, Kresic, D’Angelo, Ardemagni, Gavazzi, Ngawa, Asencio, Wilmots. All.: Foscarini.

Squalificati: Marchizza.

Indisponibili: Bidaoui, Cabezas, Iuliano, Lasik, Pecorini, Rizzato.

Ballottaggi: Morero-Kresic 55%-45%, De Risio-D’Angelo 55%-45%, Morosini-Gavazzi 55%-45%.

Cittadella (4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Scaglia, Varnier, Benedetti; Settembrini, Pasa, Bartolomei; Schenetti; Strizzolo, Arrighini.

A disp.: Paleari, Iori, Chiaretti, Kouamé, Pezzi, Pelagatti, Adorni, Maniero, Vido. All.: Venturato.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Iunco, Liviero, Lora, Siega.

Ballottaggi: Salvi-Pelagatti 55%-45%, Pasa-Iori 55%-45%, Strizzolo-Vido 55%-45%, Kouamè-Arrighini 55%-45%.

Arbitro: Marini di Roma 1. Assistenti: Tardino di Milano e Luciano di Lamezia Terme. Quarto uomo: Sacchi di Macerata.