Cesena-Avellino 3-1, le pagelle

Cesena-Avellino 3-1, le pagelle

15 settembre 2017

L’inviato a Cesena, Claudio De Vito – L’Avellino cade ancora in trasferta con errori difensivi che hanno complicato le cose al pronti via. Sono in pochi a salvarsi nella notte dell’Orogel Stadium-Dino Manuzzi, su tutti Luigi Castaldo che ha ridato speranza alle chance di rimonta biancoverdi.

Lezzerini 6 – Capitola dopo 106 secondi ma non ha particolari responsabilità sui gol, anzi evita un passivo più pesante nella ripresa. E’ certamente il meno colpevole nelle retrovie biancoverdi.

Laverone 5.5 – Da un suo traversone scaturisce il primo calcio di rigore, poi consegna a Sbrissa la palla del 2-0. Tanta spinta, ma poca attenzione in fase difensiva.

Suagher 4.5 – Cacia lo taglia fuori al vantaggio cesenate del pronti via, poi Jallow lo costringe alla doccia anticipata. Serata da incubo per il leader difensivo dei lupi.

Marchizza 5 – Falasco lo coglie di sorpresa ma lui, emozionato, è poco reattivo su Jallow. Cascione lo sovrasta puntualmente nei contrasti aerei. Ha bisogno di farsi le ossa strada facendo.

Falasco 5 – Dà il là al vantaggio del Cesena con un errato disimpegno in fase di impostazione. Novellino aveva detto di essere curioso di vederlo all’opera fuori casa, ma alla fine la prestazione non è stata convincente.

Molina 5.5 – Non riesce a dare sfogo alla sua pericolosità sull’esterno al punto che nel primo tempo si scambia la posizione con Morosini. Bello lo spunto che esalta i riflessi di Fulignati. Nella ripresa fa la mezz’ala nel 4-3-1-2.

D’Angelo 5 – Soffre l’aggressività dei dirimpettai del Cesena a centrocampo. Difficilmente riesce ad inserirsi nel traffico (dal 13′ st Moretti 5.5 – Novellino lo inserisce per orchestrare gli assalti. Tanta buona volontà e null’altro in una partita definitivamente compromessa dall’inferiorità numerica).

Di Tacchio 6 – Infaticabile per tutti i novanta minuti e oltre. Come spesso gli capita gioca per due e moltiplica gli sforzi. Sa sempre la migliore soluzione da adottare nel giocare la palla.

Bidaoui 5 – Confusionario e poco incisivo. Si perde quando tenta la giocata personale e alla fine Novellino lo lascia sotto la doccia all’intervallo (dal 1′ st Castaldo 6.5 – Segna, spreca il punto del 3-2 e la sfortuna lo bacia con il palo colpito di testa. Fa tutto lui nel bene e nel male ma è certamente una marcia in più. Suona la carica ma non basta. E non chiamatelo comprimario).

Morosini 5 – Niente gloria questa volta per il fantasista biancoverde. Molto movimento ma non c’è spazio. Soffre la fisicità dei difensori avversari (dal 19′ st Kresic 6 – Gioca la sua onesta partita contro un cliente scomodo come Jallow sulla rapidità. Coriaceo e pulito negli interventi difensivi con la titolarità in vista contro il Venezia).

Ardemagni 4.5 – Serata storta con un rigore fallito ed un palo centrato di testa. In più non riesce a mettere a segno il tap-in sul legno di Castaldo. Dalla gloria alla polvere.

(foto: cesenacalcio.it)