Calcioscommesse, vizio procedurale: ecco la decisione del Coni

Calcioscommesse, vizio procedurale: ecco la decisione del Coni

8 marzo 2017

Claudio De Vito – E’ stata una lunga e intensa giornata al Coni dove il Collegio di Garanzia, presieduto dall’ex Ministro degli Esteri Franco Frattini, si è riunito per pronunciarsi su una serie di ricorsi. L’Avellino ha atteso le pronunce sul caso “Dirty Soccer” relative alla perentorietà dei termini procedurali ai fini del deferimento, tema emerso nel procedimento che riguarda il club biancoverde sul caso calcioscommesse del 2014.

I ricorsi che interessavano da vicino il club biancoverde sono stati rigettati dal Collegio di Garanzia che ha confermato l’orientamento della Corte Federale d’Appello la quale, a sezioni unite, lo scorso 19 gennaio annullò il verdetto del Tribunale Federale Nazionale sull’irricevibilità deferimenti. Nulla da fare pertanto per l’avvocato Eduardo Chiacchio pronto a giocarsi la carta dell’improcedibilità degli atti di deferimento il 7 aprile per il caso Avellino.

In quella sede si andrà dritti al merito con l’esame da parte del TFN delle richieste della Procura Federale (7 punti di penalizzazione per l’Avellino e squalifiche da 6 anni a 6 mesi per i tesserati). La fissazione dell’udienza-bis comporta in ogni caso un vantaggio per i legali di parte i quali già conoscono le sanzioni richieste. Verdetto di primo grado atteso entro il 10 aprile. Dopo Pasqua l’appello.