Avellino Calcio – Calciatori, svincolo congelato ma regna l’incertezza

Avellino Calcio – Calciatori, svincolo congelato ma regna l’incertezza

1 agosto 2018

di Claudio De Vito – Mentre ieri a Roma si versavano lacrime amare per la sconfitta davanti al Collegio di Garanzia del Conicon Angelo D’Angelo e Luigi Castaldo presi dallo scoramento, ad Avellino il gruppo di calciatori agli ordini di Michele Marcolini sono sprofondati nel baratro dell’incertezza più totale. Tra l’altro in piena solitudine, essendo la dirigenza biancoverde trasferitasi in blocco nella Capitale per l’udienza al cospetto del Collegio presieduto da Franco Frattini.

Incassato l’ennesimo duro colpo con la momentanea conferma dell’esclusione dal campionato di Serie B, Michele Marcolini è uscito sul campo del Partenio-Lombardi con il gruppo ma senza forza più di tanto. Il tecnico biancoverde ha fatto sostenere la parte fisica evitando partitelle e contrasti potenzialmente deleteri per l’incolumità fisica dei calciatori con il macigno dell’esclusione sulla testa.

Accadrà lo stesso oggi pomeriggio, quando alle 17.30 è prevista una nuova seduta di allenamento a porte chiuse. Intanto però dal punto di vista strettamente regolamentare, l’Avellino con la presentazione del ricorso amministrativo al Tar Lazio otterrà il congelamento dello svincolo d’ufficio (cosiddetto d’autorità ex art. 110 NOIF) sancito da un comunicato ufficiale Figc per la mancata partecipazione della società al campionato di competenza.

L’iter procedimentale consente ciò, ma non evita l’intenzione di chiedere la cessione da parte di diversi calciatori in organico. Nessuno svincolato, ma tanti scontenti anche per via delle rassicurazioni societarie dei giorni scorsi che alla fine sono state smentite dai fatti. Siamo soltanto alla terza settimana di pre-campionato ma mentalmente il gruppo è già allo stremo delle forze con nervi a fior di pelle e società che bussano alla porta dei vari procuratori fiutando l’occasione subito ed eventualmente l’affare a costo zero confidando in un’altra sconfitta dell’Avellino davanti al Tar.

La Salernitana avrebbe sondato il terreno per Marco Migliorini e Francesco Di Tacchio. Ascoli e Lecce avrebbero messo gli occhi su Benjamin Mokulu. Michele Di Gregorio piace al Pescara. L’elenco è destinato ad allungarsi. Intanto la decisione sfavorevole del Collegio di Garanzia del Coni ha fatto saltare definitivamente l’arrivo di Ivan Lanni che rimarrà all’Ascoli. C’è chi mugugna pronto a fare la valigia, ma anche chi – pur preoccupato – avrebbe una gran voglia di rimanere in biancoverde convinto di poter spaccare il mondo insieme a suoi compagni in caso di iscrizione. Si tratta di Fabrizio Paghera, cercato dal Vicenza a cui era stato proposto anche Federico Moretti.