Avellino – Caccia anche in Irpinia al commando della rapina a Taormina

13 settembre 2005

Avellino – E’ caccia ai malviventi che hanno ucciso a Taormina il commerciante Pancrazio Muscolino mentre tentavano di rapinare nella sua villa. Le ricerche del commando sono state estese in tutta Italia ed anche nella provincia di Avellino. Come ha spiegato il Maggiore Francesco Merone, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Benemerita Irpina, sin dalle prime ore dell’alba i militari stanno perlustrando tutta la provincia con particolare attenzione per le strade in entrata ad Avellino dalla Salerno – Reggio Calabria. I Carabinieri cercherebbero i complici dei due slavi che dopo essere giunti al porto di Salerno si sono resi protagonisti di un conflitto a fuoco contro la Polizia proprio sull’arteria autostradale. Ricordiamo che per evitare il posto di controllo della Polizia, il conducente di un’Alfa, rosso granata e targata Agrigento, ha forzato il blocco sull’autostrada: è iniziato così un inseguimento terminato nel porto di Salerno in uno scontro a fuoco con gli Agenti. Sono rimasti a terra almeno otto proiettili. Sull’automobile in fuga due uomini, ma anche una donna slava e due bambini di 3 e 4 anni, utilizzati dai malviventi per farsi scudo contro i proiettili degli agenti, e rilasciati subito dopo. I due malviventi che erano riusciti a proseguire la fuga a piedi sono stati catturati nel primo pomeriggio. Le ricerche, comunque, proseguono e sono estese in Irpinia dove potrebbe transitare, da un momento all’altro, l’altra autovettura segnalata dagli inquirenti salernitani ai colleghi avellinesi: a dire dei Pm Vincenzo Cefalo e Franco Chillemi, del Sostituto Emanuele Crescenti della Dda e del Procuratore Luigi Croce il commando sarebbe composta da dieci uomini, tutti di origine slava che, dopo l’omicidio a Taormina si sarebbero dati alla fuga sparpagliandosi in modo tale da cercare di non cadere nella rete della Giustizia. Oltre cento militari sono sulle tracce dei malviventi che, con molta probabilità, potrebbero essere già riusciti a raggiungere la nostra provincia a piedi percorrendo le campagne della Salerno-Avellino. Con un elicottero e numerose auto che si continua a setacciare l’intera area. Per gli inquirenti, dunque, l’ipotesi che i due slavi possano aver raggiunto Avellino non sarebbe da sottovalutare e non si escludono clamorosi sviluppi.