Avellino – Atti vandalici alle auto in sosta, due denunce

17 giugno 2005

Avellino – Ancora un assist tra Polizia e cittadino. Grazie ad una denuncia di un cittadino al centralino del “113” che segnalava la presenza di due persone a bordo di un’auto intente a danneggiare diversi veicoli, la Volante della Questura si è portata sul posto indicato. Gli Agenti hanno intimato l’alt al conducente di una Fiat Panda all’altezza di Piazza Kennedy. L’uomo, non curante, ha proseguito a velocità sostenuta ma, dopo pochi metri è stato fermato dai poliziotti. Il conducente, in un evidente stato di ebbrezza, è stato identificato. Si tratta di C.R. 26enne di Avellino. Il passeggero, invece, R.A., 58enne di Lioni. Accompagnati in Questura, dopo l’espletamento delle procedure di rito, i due sono stati denunciati per il reato di danneggiamento in concorso tra loro. Inoltre, a carico del conducente è stata applicata la sanzione amministrativa del ritiro della patente di guida nonché l’affidamento in custodia giudiziale della Fiat Panda. Insomma, una nuova operazione dall’epilogo positivo grazie alla fiducia risposta nelle Forze dell’Ordine, e nella fattispecie negli Agenti di Polizia, dei cittadini. Ricordiamo, è di recentissima cronaca l’operazione portata a termine dagli uomini della sezione Volante che, grazie alla collaborazione offerta da un giovane avellinese e da un altro cittadino, ha consentito di trarre in arresto un cittadino di nazionalità nigeriana resosi materialmente autore, con la complicità di un altro extracomunitario, di rapina perpetrata in danno di una 78enne. “Ebbene – si legge nella nota diramata dalla Questura di Avellino -, proprio nel corso di accertamenti fotodattiloscopici esperiti nel corso della giornata di giovedì, è emerso che lo stesso inottemperante al provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Questore di Caserta. E proprio nella serata l’uomo, che doveva essere scarcerato così come disposto dalla Procura della Repubblica di Avellino, è stato nuovamente tratto in arresto per essere giudicato per direttissima nella giornata di oggi”. (di Emiliana Bolino)