Avellino – Artigianato: contributi alle imprese che assumono apprendisti

10 giugno 2005

Concessione di contributi alle imprese che assumono un apprendista: parte la nuova iniziativa della Camera di Commercio di Avellino. “In Irpinia ci sono 8 mila artigiani – ha fatto osservare il presidente Costantino Capone – fra questi, però, solo una schiera sempre più esigua esercita mestieri nobili, quelli strettamente imparentati con l’arte. Ci riferiamo al ferro battuto, alla ceramica, alla lavorazione del legno, del cuoio ecc.”. Molte di queste attività, dunque, rischiano di scomparire perché non esiste un ricambio di risorse umane: l’artigiano che, per ragioni di età, smette di lavorare non trova giovani disposti a subentrare nell’attività. “D’intesa con le associazioni di categoria – ha detto Capone – abbiamo pensato di dare un concreto sostegno finanziario alle imprese artigiane che assumono un giovane con contratto di apprendistato”. 4Mila euro per un anno. Il fondo stanziato dalla Camera di Commercio è di 250 mila euro. Stanziamenti che, in termini di impiego, permetteranno l’assunzione di circa 60 giovani. Le domande di partecipazione al bando per l’assunzione di apprendisti possono essere presentate a partire dal prossimo 20 giugno. Il bando e la modulistica sono disponibili sul sito web della Camera di Commercio (www.av.camcom.it). “Se l’incentivo funziona l’ente camerale è disposto a destinare ulteriori risorse all’iniziativa che si affianca ad altre che la Camera di Commercio sta portando avanti per sostenere un settore che ha favorevoli prospettive di mercato”. Il riferimento è alla partecipazione a fiere specializzate nel campo dell’artigianato artistico. L’ente di Piazza Duomo ha partecipato, poche settimane fa, con una collettiva di artigiani irpini ad ‘Artex’, prestigiosa rassegna annuale che si svolge a Firenze. A dicembre sarà poi nei padiglioni della Fiera di Milano per partecipare ad ‘AF, l’Artigianato in fiera’ altra rinomata mostra che richiama nel capoluogo lombardo migliaia di visitatori. Per le imprese irpine partecipanti alle precedenti edizioni sono giunti numerosi ordinativi tanto che gli stessi clienti, per la qualità del prodotto, hanno accettato di essere posti in lista d’attesa.