Avella – Tentato omicidio plurimo, denunciato 21enne

7 marzo 2006

Avella – Nella tarda serata di ieri, in località Purgatorio ad Avella, è stata sfiorata la tragedia. Un 21enne del posto, C.F. queste le sue iniziali, con la scusa di dover fare benzina per futili motivi ha inveito contro un coetaneo impiegato di un distributore di carburante. E’ dovuto intervenire il titolare per dividere i due e per allontanare l’aggressore. Nel frattempo il benzinaio ha chiamato i parenti e gli amici che sono subito accorsi sul posto: ha spiegato loro il motivo dell’aggressione e mentre si stavano allontanando, improvvisamente, si sono visti nella traiettoria di una Fiat Uno guidata proprio dall’aggressore. Con una velocità di 90 chilometri orari, C.F. ha tentato di investire tutti ed è stato solo grazie alla prontezza dei riflessi se nessuno è rimasto ferito. Intanto il titolare del distributore di benzina ha chiamato i Carabinieri della Stazione di Avella e del Nucleo Operativo della Compagnia di Baiano guidati dal Tenente Basile. In attesa dell’arrivo dei militari, è stato avvertito il boato dell’esplosione di colpi: a seguito di accertamenti gli inquirenti hanno verificato che il padre del benzinaio aggredito, M.T. classe 1967, aveva esploso alcuni colpi contro l’autovettura cercando di fermare la corsa. E’ stato dunque solo per un caso se nessuno è rimasto ferito. I Carabinieri hanno fermato tutti i presenti mentre il Nucleo Operativo ha proceduto a tutti i rilevamenti del caso. Hanno sequestrato i bossoli dei proiettili esplosi, la pistola del 39enne e l’autovettura del 25enne. Per il momento C.F. è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria e deve rispondere dell’accusa di tentato omicidio plurimo. Inoltre è tuttora al vaglio degli inquirenti la posizione del 39enne che ha esploso i proiettili: laddove dall’attività investigativa non dovesse emergere l’attenuante della legittima difesa potrebbe finire anch’egli nei guai. (di Emiliana Bolino)