Avella – Rapina un distributore di benzina: arrestato 32enne di Nola

8 agosto 2011

I Carabinieri della Compagnia di Baiano questa notte hanno tratto in arresto un pregiudicato 32enne di Nola per rapina aggravata, lesioni aggravate e danneggiamento ai danni di un addetto alla distribuzione carburante di un distributore di Avella. In particolare i militari della locale Stazione e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Baiano, durante uno dei tanti servizi del controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, hanno colto in flagranza un 32enne di Nola mentre stava aggredendo con una bastone di ferro l’addetto ad una pompa di benzina di un distributore in località Purgatorio. L’uomo dopo aver aggredito il benzinaio si era fatto consegnare l’incasso della serata e al rifiuto dello stesso lo aveva aggredito con una mazza di ferro, rompendogli il polso destro. La scena non è sfuggita ai Carabinieri che erano di pattuglia come disposto dal collaudato e proficuo piano di controllo del territorio posto in essere dal Comando Provinciale di Avellino, i quali sono subito intervenuti immobilizzando il rapinatore e soccorrendo il malcapitato benzinaio, che successivamente veniva trasportato all’Ospedale civile di Nola e dimesso con 20 giorni di prognosi. I militari hanno così tratto in arresto il 32enne per rapina aggravata, lesioni aggravate e danneggiamento, e dopo i rilievi foto-dattiloscopici eseguiti presso la Compagnia di Baiano, lo hanno tradotto presso il Carcere di Bellizzi Irpino. Lo stesso distributore è stato teatro di un altro episodio analogo il 12 luglio scorso, dove due persone armate di pistola, a bordo di un autovettura rapinarono l’addetto alla distribuzione di carburante facendo poi perdere le loro tracce: i Carabinieri, infatti, stanno indagando se ci possa essere una relazione tra le due rapine. Sono già molte le rapine scoperte dall’ inizio anno da parte dei militari del Comando Provinciale di Avellino e in particolar modo da quelli della Compagnia di Baiano, tutto frutto di un piano di controllo del territorio, studiato nei minimi dettagli e che sta dando ottimi risultati. Gli atti assunti sono stati inviati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino per gli adempimenti consequenziali.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.