Avella – Patrimonio monumentale-archeologico: ecco i fondi regionali

13 settembre 2005

Avella – Rivive il patrimonio artistico del Vallo Lauro Baianese grazie al finanziamento, da parte della Regione Campania, di oltre 2 milioni di euro, da frazionare tra i comuni di Mugnano del Cardinale, Baiano, Sirignano, Moschiano e Nola. Diverse le opere artistiche oggetto di restauri totali o parziali. Ad illustrare i progetti stanziati, il Presidente del Pit monumentale-archeologico, Salvatore Guerriero. “Tutte queste opere rientrano nell’ambito della misura regionale 2.1. La richiesta dei fondi, avanzata lo scorso 16 febbraio, ha trovato solo adesso un riscontro per tre comuni irpini e uno partenopeo. A Mugnano verrà ristrutturato l’educandato dedicato a Maria Cristina di Savoia. A Moschiano verranno effettuati lavori di riqualificazione alla chiesa di San Barbato per un complessivo di 258 mila euro. L’Eremo di Gesù e Maria sarà interessato a lavori di messa a nuovo per un totale di 200 mila euro. Grande attenzione ai fondi destinati al Castello Carovita di Sirignano. Dopo anni di contrasti anche politici finalmente Palazzo Santa Lucia ha sostenuto le spese di rifacimento ex novo dell’antico Castello per un investimento di 472 mila euro”. Quindici i Comuni facenti parte del Pit di cui a capo è il primo cittadino di Avella, Guerriero. “La nostra sinergia permetterà la realizzazione di un circuito turistico, a regia regionale, dal notevole spessore. Inoltre, anche grazie alla Soprintendenza di Napoli e Caserta, abbiamo ottenuto finanziamenti per alcuni scavi preistorici in via Croce di Papa, a Nola”.