Autovelox Atripalda: la replica di “Irpinia Oggi” al Comune

Autovelox Atripalda: la replica di “Irpinia Oggi” al Comune

2 novembre 2018

Arrivano le precisazioni e la replica da parte della testata online “Irpinia Oggi” in merito a quanto dichiarato dal Comandante dei Vigili Urbani di Atripalda Capitano Domenico Giannetta e dell’Assessore alla Polizia Municipale Mirko Musto, tramite una nota stampa dei giorni scorsi.

La stessa testata giornalista afferma che, nella nota “sono contenute affermazioni diffamatorie nei confronti della testata giornalistica Irpinia Oggi, seppure espresse attraverso un comunicato al quale avete comunque dato visibilità”.

La replica della testata è affidata a un articolo comparso sul proprio sito che riportiamo integralmente:

Il 25 ottobre scorso Irpiniaoggi ha pubblicato l’articolo relativo alle tardive notifiche dei verbali per l’autovelox situato lungo la SS7Bis in territorio di Atripalda (LEGGI QUI)

Il Comandante dei VV.UU e l’assessore alla viabilità del Comune di Atripalda hanno inteso chiarire quanto contenuto in quell’articolo.

RISPOSTA

Non conoscendo le dinamiche giornalistiche (eppure il Comandante ha un giornalista in famiglia…), i due funzionari hanno ritenuto di diramare a tutti gli organi di informazione quella nota che riguardava soltanto Irpiniaoggi.

Avevamo risposto direttamente ai due interlocutori ma, visto che hanno voluto rendere pubblica la questione, forniamo le nostre controdeduzioni.

Appare evidente l’autogol clamoroso dei due rappresentanti del Comune di Atripalda.

Ecco il testo:

Gentilissimi Capitano Domenico Giannetta

Comandante Vigili Urbani di Atripalda

Signor Mirko Musto Assessore alla Polizia Municipale di Atripalda

Comprendendo la necessità di volere trovare una giustificazione rispetto all’articolo pubblicato, quanto affermato nella Vostra nota di chiarimento non trova purtroppo riscontro nei fatti e nei documenti da Voi richiamati.

Respingiamo innanzitutto il maldestro tentativo di addebitarci una volontaria e incompleta esposizione dei fatti, contenuto nella maliziosa affermazione secondo cui “la foto del verbale, riportata nell’articolo, è incompleta perché taglia la parte del verbale da cui risultano le due società a cui il verbale è stato notificato, ossia l’intestatario prima e il responsabile della circolazione del veicolo dopo”.

Pubblichiamo il verbale nella sua interezza,

VERBALE 20181025120413

Era apparso per metà essendo orizzontale lo spazio previsto per le foto e quindi appariva solo laparte superiore .

Ed era meglio-

Emerge infatti che il verbale è stato notificato il 19/07/2018 CONTEMPORANEAMENTE al proprietario (società locataria) e al responsabile della circolazione.

Quanto asserito da Voi, circa le varie modalità asserite, non appare nel verbale spedito in data 19 ottobre 2018.

E’ quello che fa testo per la impugnazione dell’atto.

Ciò dimostra l’assoluta correttezza di questa redazione giornalistica nella esposizione dei fatti avvenuta attraverso valida documentazione.

Come pure Vi dimostriamo che è semplicemente pretestuosa, scorretta e diffamatoria l’altra affermazione:

“Inoltre è coperta la parte in cui si riporta la velocità di circolazione rilevata pari a 76 km/h, dichiarando poi erroneamente nell’articolo che la velocità era di 71 km/h”.

Guardate bene l’immagine e soprattutto leggete con attenzione.

L’indicazione della velocità non è coperta. (LEGGI QUI)

ATTENZIONE

Se non bastasse, appare maldestro il vostro tentativo di screditare Irpiniaoggi.

Nell’articolo leggerete:

Non è grave avere notificato una multa al trasgressore per avere violato l’art.142 del Codice della Strada con il superamento della velocità massina (70 kmh) di un solo kmh (si, esattamente 71 kmh, avete letto bene).

Hai superato il limite massimo?

Ebbene paghi, anche se di un solo chilometro orario, non importa se corrisponda a un fruscio di vento o un battito di ciglia.

Adesso vi è chiaro il concetto?

Nessuna obiezione è stata fatta da Irpiniaoggi circa l’accertata violazione del limite di velocità,

L’argomento basilare era diverso eppure è sfuggito a funzionari così attenti.

QUESITI

A quelli che sottoponete in coda al chiarimento, Vi rispondiamo con franchezza.

Comandante e Assessore: Perché non verificare che è stato necessario procedere a due notifiche dell’atto, in quanto il trasgressore è diverso dall’intestatario del veicolo (caso che si verifica quando si tratta di società di noleggio), nel pieno rispetto dei termini di legge?

Irpiniaoggi: Nel verbale non risulta quanto da Voi affermato. Perciò sarà annullato dal Giudice di Pace.

C & A: Perché dire che il limite di velocità è superato di 1 km/h, quando in realtà è stato superato di 6 km/h (quindi 1 km/h oltre la soglia di tolleranza, non oltre la velocità limite)?

Irpiniaoggi: Infatti lo abbiamo scritto ma Voi non siete stati bravi nella lettura.

C & A: Perché non dire che la postazione, più che cogliere di sorpresa gli automobilisti per fare cassa, è segnalata con ben tre segnali luminosi che preannunciano il controllo elettronico della velocità e sta ottenendo il risultato auspicato di una velocità di percorrenza moderata, rendendo più sicuro il tratto stradale in questione?

Irpiniaoggi: Difficilmente riuscirete a fare passare il concetto di “sicurezza” tra l’utenza.

Quella che definite “percorrenza moderata”, si registra solo nelle poche centinaia di metri che precedono il macchinario, la cui vista tardiva spesso provoca frenate pericolose dei guidatori (soprattutto di grossi automezzi) con rischio di incidenti.

Superato l’autovelox e scongiurato il pericolo di multa, si va via a tutto gas. O no?

C & A: Perché divulgare notizie non rispondenti alla verità sostanziale dei fatti?

Irpiniaoggi: E’ quanto dovreste chiedere a Voi stessi invece di aggrapparvi ad argomentazioni smentite da i fatti e dagli atti.

Certe volte il silenzio è veramente d’oro.

P.S.

Notizia di queste ore: proprio oggi è stato accolto un primo ricorso presentato dall’avv. Ciro Aquino a nome di un utente.

Daremo conto, appena in possesso, della motivazione espressa del Giudice di Pace di Avellino”.