Aumenti Tares a Paternopoli, Forgione: “Cittadini nel panico”

25 agosto 2014

Paternopoli – “Da qualche giorno ai cittadini di Paternopoli vengono notificate le cartelle esattoriali per il pagamento della TARES (ex TARSU) e subito il panico ha cominciato a serpeggiare nelle famiglie. Infatti, gli aumenti per ciascun contribuente sono da paura. Un esempio vale molto piu’ di cento parole: una signora anziana, vedova, pagava nel 2013 per una abitazione di 40 metri quadrati circa 70 euro, oggi deve 161 euro; una famiglia di quattro persone con una abitazione di 100 metri quadrati pagava l’anno scorso 173 euro, oggi deve pagare quasi 300 euro. Per non parlare della TARES dovuta dagli studi tecnici, dagli avvocati, dai geomotri che pagano piu’ dei locali commerciali. Una vera e propria ecatombe si sta abbattendo sui cittadini paternesi. Eppure la nuova amministrazione comunale Rinascita , che tre mesi fa ha vinto le elezioni , aveva promesso in campagna elettorale che avrebbe abbassato le tasse. Evidentemente erano promesse da marinaio. E non finisce qui. Prossimamente arrivera’ la TASI . Di questo passo le famiglie saranno strangolate dai tributi e molte di esse non potranno pagare , diventando in questo modo vittime di Equo-Italia. Quando a governare il comune c’era il sindaco dott. Felice de Rienzo pagare le tasse non era bello ma era piu’ facile e meno dispendioso. Vuoi vedere che la Rinascita , attuale amministrazione, ha promesso in campagna elettorale quello che nei fatti non riesce a mantenere? E mentre la maggioranza dei cittadini sono nel panico altri se la ridono. Infatti , taluni sono anni che non pagano il dovuto in tasse e nonostante la precedente amministrazione de Rienzo gli ha contestato circa 80 mila euro di evasione fiscale , ancora non hanno pagato il pregresso e probabilmente si accingono a ripetere la manovra. Se l’ente comune avesse intascato questi 80 mila euro di evasione fiscale la TARES attuale sarebbe stato meno indigesta. Invece di pensare a farsi gavettoni , facendosi riprendere dalla telecamera, gli amministratori comunali farebbero meglio ad occuparsi dei cittadini vessati ed umiliati da una tassazione insostenibile”. Così Andrea Forgione, segretario del Pd di Paternopoli.