Atripalda/Frode alimentare, nei guai commerciante atripaldese

21 giugno 2005

Bologna – Maxi blitz della Guardia di finanza di Bologna contro la frode alimentare. Oltre 60mila le confezioni di sottolio, sottaceti e conserve rinvenute all’interno di un magazzino di smistamento: prodotti, sequestrati, con etichetta contraffatta recante data diversa. Prodotti, seconda quanto dichiarato dalla Magistratura, che erano finiti in un albergo, due ristoranti, un bar ed in 21 esercizi commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso sparsi in tutta Italia: a finire nei guai anche il titolare di un esercizio commerciale di Atripalda. Un maxi blitz che ha portato alla denuncia di 15 persone per frode in commercio e irregolare conservazione di prodotti alimentari. In particolare, i militari hanno individuato confezioni alimentari prodotti da un’azienda di Cava de’ Tirreni: oltre 2200 i barattoli che avevano la data di scadenza cancellata, mentre sul tappo era stata appiccicata una etichetta recante una data successiva, per permetterne la commercializzazione. Ritrovate altre 67mila etichette contraffatte relative ad altri prodotti che sarebbero poi stati commercializzati. (Emiliana Bolino)