Atripalda – Scuola, il Comune ritoccherà i ticket mensa

30 giugno 2010

Atripalda – “Stiamo valutando soluzioni alternative per andare incontro alle esigenze e alle richieste dei genitori dei bambini delle scuole materne, ma resta ferma l’intenzione dell’Amministrazione comunale di tutelare le fasce più deboli della popolazione atripaldese”. Così l’assessore delegato all’istruzione del Comune di Atripalda Giacomo Foschi.
“Ringrazio i genitori e il dirigente scolastico per la disponibilità dimostrata, ho compreso a fondo le loro istanze ma prima di poter attuare qualsiasi modifica è necessario ragionare su dati concreti – continua l’assessore – in questo senso sarà fondamentale capire quante domande saranno presentate nei prossimi giorni dai genitori. Siamo disponibili a valutare la possibilità di introdurre i ticket, ma soltanto dopo un’attenta analisi dei costi e comunque senza penalizzare le fasce a bassissimo reddito, ovvero quelle con un reddito Isee al di sotto di seimila euro annui”.
La decisione di ritoccare i costi dei ticket mensa è stata presa solo dopo una lunga riflessione di Giunta e un’accurata analisi dei costi. “Il Comune di Atripalda continuerà ad accollarsi il cinquanta per cento dei costi del servizio, ma un adeguamento era assolutamente necessario tenuto conto della situazione finanziaria dell’Ente e dopo che i costi del servizio erano rimasti invariati per oltre sedici anni – conclude Foschi – e mi auguro che nessuno strumentalizzi una pur legittima preoccupazione dei genitori, considerata la piena disponibilità di questa amministrazione comunale”.