Atripalda – Contrada Giacchi: pronti alla riqualificazione

10 settembre 2005

Contrada Giacchi tira un sospiro di sollievo. Dopo la frana che l’aveva colpita all’inizio dello scorso marzo in seguito all’ondata di maltempo che colpì l’intera provincia, finalmente sembrano essere disponibili i fondi per sistemarne la viabilità ed eliminare lo smottamento franoso. La frana, infatti, travolse completamente l’unica strada che attraversa la contrada periferica che collega Atripalda ai comuni di Avellino e Cesinali, isolando la zona al traffico veicolare e creando non pochi disagi alle famiglie residenti nella zona. L’amministrazione comunale ha richiesto alla Regione Campania di poter stornare i fondi stanziati in un primo momento per la realizzazione di percorsi pedonali lungo via Appia per effettuare questi lavori urgentissimi. I fondi, circa 110mila euro ai quali si aggiungeranno altri 30 mila euro, dovevano infatti servire per la realizzazione di percorsi pedonali. Ma, in seguito agli accertamenti della Soprintendenza, riemerse nella zona interessata un antichissimo anfiteatro romano, risalente ai primi anni dopo Cristo. Un ritrovamento che portò al blocco definitivo dei lavori per la costruzione dei percorsi pedonali. La giunta atripaldese questa volta ha colto la palla al balzo ed ha deciso di destinare quei soldi per la realizzazione di percorsi pedonali, per la sistemazione della frana di contrada Giacchi per la quale ha anche approvato un progetto esecutivo che prevede opere di drenaggio, palificazione e muri di sostegno. L’amministrazione si è fatta carico dei problemi dei cittadini di quella zona che ha subito danni e disservizi a causa di una calamità naturale. Si chiede un ulteriore periodo di pazienza, dunque, in attesa dell’ok regionale. Ma c’è tutta la volontà e l’impegno a risolvere definitivamente questo problema. I residenti confidano in questa decisione ma, in caso di ulteriori ritardi non mancheranno di far sentire la loro voce. I disagi patiti non potranno essere sostenuti ancora per altro tempo.