Ato – Deserta l’assemblea del Cda, D’Ercole: “Una vergogna”

24 luglio 2006

Avellino – Ato: ancora una volta l’assemblea del Cda, che avrebbe dovuto dare attuazione alla sentenza del Consiglio di Stato che dispone l’ingresso del rappresentante del comune di Ariano, è andata deserta. Una questione che si protrae da tempo e che, attraverso quest’ultimo episodio, dà spunto alle rimostranze del capogruppo regionale di An Franco D’Ercole. “E’ vergognoso che il presidente Pasquale Giuditta continui a tollerare questa situazione di illegalità. E’ vergognoso che i sindaci obbediscano ad un chiaro disegno di matrice demitiana, proprio quando De Mita non ha mai avuto parole particolarmente apprezzabili nei confronti di Giuditta. E’ vergognoso che queste vicende rallentino e talvolta paralizzino l’attività dell’ente. E’ vergognoso che nessuno intervenga per porre fine a questa situazione, complicata anche da dissidi interni al centro sinistra, che non riesce ad individuare l’altro rappresentante da inserire nel consiglio di amministrazione accanto a quello del comune di Ariano”.