Asl, De Luca: “Non vi agitate, la delega alla sanità è mia”. Nomine in settimana

Asl, De Luca: “Non vi agitate, la delega alla sanità è mia”. Nomine in settimana

26 luglio 2016

“Non vi agitate per l’assessore alla sanità, non ci sarà nessuna nomina. La delega ce l’ho io”.

A dirlo è il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del suo intervento odierno in Consiglio regionale sul tema della sanità.

De Luca – che stamane non ha preso parte ai lavori della Giunta – ha riferito che “… in settimana” verranno completate le nomine mancanti alle Asl (dunque, anche a quella di Avellino e al Moscati, ndr).

“Sul tema della sanità sollecito il governo a intervenire – ha continuato De Luca – . In Conferenza delle Regioni abbiamo chiesto lo stesso contributo per ogni bambino disabile. Se si dovesse decidere contro la Campania, la responsabilità passerà al governo e di fronte a un tema come questo non ci sono bandiere di partito che tengano”.

“La proposta dell’assessore Fortini era chiara, lo stesso contributo per tutti. Il problema è che il fondo funziona su una doppia valutazione che inchioda la Campania alla sua arretratezza e povertà. La spesa storica tiene conto di quello che non hai fatto negli anni precedenti ed per noi oggi significa pagare gli errori del passato, essere inadeguati. Non daremo l’intesa in Conferenza delle Regioni, un luogo di grande insaponamento universale. Sono contro il fondo di solidarietà voglio lo stesso riparto pro capite, voglio sfidare regioni del Nord come la Lombardia e l’Emilia sul piano dell’efficienza, ma non voglio prese in giro”.

Da sottolineare anche l’intervento dell’ex Governatore Stefano Caldoro:

“Un ‘annus horribilis’ per la sanità. Le liste di attesa che aumentano, il caso barelle, i medici imbavagliati, la perdita di risorse”. È quanto ha sottolineato il capo dell’opposizione in Consiglio Regionale Stefano Caldoro nel suo intervento in aula. “Il programma che ha fatto vincere alla maggioranza le elezioni era condivisibile ma non è stato realizzato nulla. Avevate immaginato il concorso per i manager ed avete fatto il contrario. Nulla su tutto il resto”.

Nel suo Intervento Caldoro ha ricordato le performance raggiunte dalla precedente amministrazione: “Con noi dal deficit all’avanzo di cassa, con noi l’aumento dei Lea. Grazie alla Campania si può avviare la battaglia per la ripartizione del fondo sanitario. Abbiamo determinato le condizioni per uscire dal commissariamento”.

Poi Caldoro è uscito dall’aula durante l’intervento di De Luca: “Troppe bugie, troppe. Non si può”.