Asl Avellino, sindacati di base protestano: “Lavoratori allo stremo”

Asl Avellino, sindacati di base protestano: “Lavoratori allo stremo”

18 gennaio 2017

Protesta stamane all’Asl di Avellino in via degli Imbimbo dove decine e decine di lavoratori afferenti ai sindacati Usb, Mic e Ps si sono riuniti per chiedere la tutela dei propri diritti.

Lamentano l’assoluta carenza di personale cui farebbe da contraltare una serie di forzature legate all’assunzione del personale.

Protagonisti, si diceva, gli aderenti al sindacato di Base e gli iscritti al Movimento degli infermieri della Campania.

“L’organizzazione dell’azienda offre poco alla cittadinanza – ha detto Sergio Di Lauro, segretario aziendale dell’Usb -. Mancano decine e decine di infermieri, il profilo degli operatori socio sanitari, di grande supporto per la gestione del paziente, è in estinzione, e abbiamo un’esternalizzazione spaventosa dei servizi. Acquistiamo ore dalle cooperative quando ci sono graduatorie attive da cui potremmo attingere infermieri professionali.

Anche per gli infermieri del Mic, la situazione diventa insostenibile. Lo spiega Fabio Gentile, presidente del movimento: “Ci sono 27 infermieri in graduatoria, ma con il blocco del turn over si è alimentato un sistema di agenzie e lavoratori in somministrazione”.