Tre artisti irpini a Napoli per la mostra di San Gennaro

Tre artisti irpini a Napoli per la mostra di San Gennaro

18 settembre 2019

Sessantuno artisti espongono a San Domenico Maggiore per i festeggiamenti in onore di San Gennaro. Ad accogliere le opere, il complesso monumentale di San Domenico Maggiore che ospita, fino al 20 ottobre 2019, la mostra ” Il senso del sacro” organizzata in sinergia tra Diocesi, Comune , Museo diocesano e artisti con il coordinamento di Luciana Mascia e in collaborazione con l’editore Elio De Rosa.

Una collettiva che sceglie come tema la fragilita’ e l’incompiutezza dell’umano riconoscendo la sacralità dell’arte e, attraverso essa, il tentativo di insegnare il valore dell’esistenza praticando verità e giustizia. Una seconda edizione che accoglie non solo artisti affermati , nazionali e internazionali, ma anche giovani promettenti per promuovere l’arte come momento di contemplazione e di azione religiosa.

Un’inaugurazione particolarmente riuscita con una nutrita presenza di pubblico e con la partecipazione del Cardinale Crescenzio Sepe e del Vicario per la Cultura della Curia Arcivescovile di Napoli Don Adolfo Russo. Molto apprezzate tutte le proposte degli artisti e, soprattutto, il tentativo di rivelare le pieghe piu’ segrete dell’anima rendendo visibile quelle preoccupazioni e richieste di aiuto che avvicinano l’uomo alla fede.

Un’iniziativa che considera la bellezza dell’arte come la strada che conduce a Dio, un ponte tra il mondo terreno e quello celeste. Il modo migliore per riflettere sull’incertezza del presente e capire chi cerca un riscatto e una vita migliore e accetta la propria fragilità per fondare un messaggio di amore e di speranza per gli altri. Tutte le opere sono pubblicate nel catalogo edito da Elio de Rosa con i contributi critici di Luigi Caramiello, Clementina Gily Reda, Luciana Mascia e Rosario Pinto.

Tra gli autori delle opere si citano Vincenzo Aulitto, Ambrogio Bosco, Antonio Bove, Giancarlo Caneva, Maria Rosaria Caso, Carla Castaldo, Salvatore Chiariello, Carlo Cottone, Fortunato Danise, Libero Generoso De Cunzo, Antonio Del Prete, Gaia Dente, Giuseppe Di Franco, Michele Di Martino, Lucia Di Miceli, Elena Diaco Mayer, Salvatore Esposito, Giovanni Ferrenti, Claudio Mario Feruglio, Giuseppe Gargiulo, Felice Garofano, Gennaro Maria Guaccio, Lucio Iezzi, Mario Iaione, Carlo Improta, Mimmo Jodice, Franco Lista, Massimo Maci, Pasquale Manzo, Marcello Marrucci, Luciana Mascia e tanti altri. Tre gli irpini invitati a partecipare: Augusto Ambrosone, Enzo Angiuoni e Generoso Vella.