Ariano, tre studenti dai banchi di scuola al lavoro grazie al progetto “Scuola Viva”

Ariano, tre studenti dai banchi di scuola al lavoro grazie al progetto “Scuola Viva”

14 Gennaio 2020

Dalla scuola al lavoro il passo è breve. In questo momento storico potrebbe essere una frase senza alcun senso. Infatti, di solito non è cosi, specialmente nel Sud Italia. Ma il “Ruggero II” di Ariano Irpino ha invertito questo trend negativo. Grazie ad un progetto avviato nell’ambito di “Scuola Viva”, tre giovani diplomandi dell’istituto arianese saranno avviati a dei colloqui di lavoro con ACCA software S.p.A..

Dunque, non un’opportunità qualunque ma quella più affine alla scelta che questi tre ragazzi hanno fatto e per cui si sono formati. Insomma, i tre diplomandi non si dovranno accontentare, ma avranno la possibilità di conoscere da vicino un settore da loro scelto nel percorso di studi. Veniamo ai fatti. Nell’ambito delle attività di ampliamento dell’offerta formativa, dell’anno scolastico in corso, gli studenti dell’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio – “Geometra” hanno frequentato un Corso di progettazione B.I.M. “Building Information Modeling”, posto in essere con la collaborazione dell’azienda “ACCA Software”. Il sodalizio avvenuto con l’azienda irpina, leader internazionale nel settore degli applicativi informatici di progettazione edilizia, ha consentito a tre studenti dell’indirizzo Geometri-CAT di essere selezionati per un colloquio di lavoro con possibilità di inserimento nell’organico aziendale. Margherita Paglialonga, Michele Lo Conte e Michele Tommasiello non hanno esitato a mostrare soddisfazione per l’opportunità che gli è stata offerta grazie a questo connubio tra l’Istituto Scolastico Ruggero II e l’ACCA Software.

Ampia soddisfazione è stata altresì espressa dalla dirigente scolastica del “Ruggero II”, prof.ssa Teresa De Vito: “Quanto accaduto è la prova che quando le istituzioni fanno sinergia tra di loro i risultati non tardano ad arrivare. Tramite “Scuola Viva” finanziato dalla Regione Campania, la scuola è riuscita a mettere in atto una progettualità che ha coinvolto le aziende del territorio. Da qui, il prossimo ciclo sperando ad una prossima assunzione dei tre giovani studenti. Un risultato difficile, per queste zone interne, che ci inorgoglisce ma soprattutto ci sprona a fare sempre meglio e sempre di più.

La nostra azione è tesa a coinvolgere gli studenti in attività di potenziamento atte ad ampliare le conoscenze digitali e ad accrescere tutte le competenze che possano permettere un legame veloce e diretto con il mondo del lavoro”.