Ariano – Sospesa la manifestazione a sostegno degli agricoltori

19 settembre 2005

La manifestazione di sostegno agli agricoltori, organizzata dalla Comunità Montana dell’Ufita, fissata per questa mattina, è stata sospesa perché si è in attesa delle decisioni che dovrebbero essere assunte dal Ministero dell’agricoltura. Dopo l’incontro avvenuto tra alcuni rappresentanti del mondo agricolo ed il ministro, on. Gianni Alemanno, questo Ente, di concerto con le organizzazioni di categoria, ha ritenuto attendere gli sviluppi della vicenda. La decisione è emersa al termine della riunione, che si è svolta questa mattina – ieri mattina per chi leggerà domani mattina – nella sede della Comunità Montana dell’Ufita. “Ho invitato in Comunità Montana le associazioni di categoria agricola maggiormente rappresentative del mondo rurale nazionale per definire – tutti insieme – una strategia comune che affronti i problemi inerenti il settore agricolo – afferma il presidente Giuseppe Antonio Solimine – con un’attenzione particolare nei confronti della crisi che vede protagonisti i pomodorini di collina prodotti nelle nostre zone. Erano presenti: la Coldiretti; la Cia e le Acli. Al termine della riunione l’Ente montano e le associazioni hanno stilato il comunicato congiunto, nel quale affermano di convergere sulla necessità di istituire un tavolo permanente territoriale, che abbia la funzione di monitoraggio del settore agricolo relativamente all’intero territorio dell’Ufita. L’obiettivo del tavolo – precisa Solimine – è quello di procedere alla individuazione del programma comune di intervento, finalizzato al rilancio del settore agricolo, che preveda la valorizzazione dei prodotti agricoli tradizionali presenti sull’area di riferimento. Il programma dovrà considerare anche gli aspetti legati alla trasformazione in loco dei prodotti e la loro commercializzazione, da svolgere attraverso l’attivazione di filiere produttive e commerciali. L’obiettivo finale – conclude Solimine – è di giungere alla organizzazione commerciale, che favorisca la vendita diretta in azienda e sotto ogni altra forma innovativa”.