Ariano Irpino, il resoconto del Consiglio comunale

Ariano Irpino, il resoconto del Consiglio comunale

18 marzo 2016

Il Consiglio Comunale di ieri ad Ariano Irpino ha trattato dello Statuto dell’Ente Idrico Campano, della sede della Caserma dei Carabinieri e dell’adeguamento del PUC al PTCP.

Il Consiglio Comunale di Ariano Irpino ha iniziato la seduta con la trattazione della presa d’atto dello Statuto dell’Ente Idrico Campano, così come previsto dalla Legge Regionale 15/2015, votando all’unanimità l’adesione del Comune di Ariano Irpino a questo Ente.

Per quanto riguarda la questione della sede della Caserma dei Carabinieri, l’Assise ha confermato, (approvando anche questo deliberato all’unanimità), la concessione dei locali presso il Centro Sociale del Piano di Zona di Cardito, dove è attualmente già ubicata la Caserma, per tutto il tempo necessario al completamento dei lavori del nuovo edificio in via Maddalena/strada panoramica. In ogni modo il Comune effettuerà alcuni interventi sul Centro Sociale per la messa in sicurezza dello stabile. Inoltre saranno messi a disposizione, per l’alloggio dei Carabinieri, 3 appartamenti della struttura Comunale ubicata a Borgo San Domenico.

Intensa trattazione da parte del Civico Consesso sulla procedura di adeguamento del Piano Urbanistico Comunale, adottato dall’Ente nel 2009 e definitivamente approvato nel 2010, al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale.

Alla discussione ha presenziato il redattore del PUC, l’architetto Pio Castiello che, insieme ai funzionari dell’Ufficio Tecnico, ha illustrato gli interventi di programmazione che Ariano Irpino insieme ad altri 7 Comuni del Nord Est, dovrà attuare, tenuto conto che l’area di intervento non sarà più solo relativa al territorio comunale ma ad un ambito territoriale ben più ampio, con un bacino di popolazione pari a 35.000 abitanti. Sarà quindi necessario rivedere alcune scelte urbanistiche per adeguare al concetto di “Sistema Città” il piano di sviluppo, ma senza stravolgere il Puc.
Infine la seduta si è conclusa con l’approvazione del Regolamento Comunale sulle lotterie.