Ariano in Movimento analizza la nota della Prefettura su questione migranti

Ariano in Movimento analizza la nota della Prefettura su questione migranti

13 gennaio 2017

“Dopo ben 3 mesi da una nostra richiesta di accesso agli atti indirizzata al Comune di Ariano, siamo venuti in possesso di copia di una nota che la Prefettura ha inviato al Comune il 20 Aprile 2016.

Ricordiamo che dopo lo sgombero (12 settembre 2016) del Centro di accoglienza presso la struttura ex Batavia (sgombero ordinato dal Sindaco di Ariano in seguito a sopralluogo svolto congiuntamente e su invito della Polizia di Stato), Gambacorta incontrò il 20 settembre il Prefetto. Il giorno successivo (21 settembre) nominò due funzionari (Giuseppe Fiorellini e Michele Napolitano) quali rappresentanti del Comune di Ariano Irpino presso la task-force costituita presso la Prefettura di Avellino per l’attività di controllo presso strutture di accoglienza dei migranti.

Nella nota del 20 aprile 2016, che ora finalmente possiamo leggere, il Prefetto chiedeva al Comune di Ariano di designare propri funzionari “entro e non oltre il 30 aprile” (sottolineatura del prefetto!) per partecipare alle verifiche congiunte programmate dalla prefettura “al fine di verificare che i servizi prestati in favore degli ospiti siano rispettosi degli impegni previsti dalle convenzioni, nonché delle norme in materia di igiene e tutela della salute psicofisica dei richiedenti asilo e di sicurezza”. Il Sindaco li ha nominati con circa 5 mesi in ritardo, solo dopo lo scandalo ex-Batavia. Non è una dimostrazione della poca attenzione dell’amministrazione per la condizione dei migranti?”

Così, in una nota, Alessandro Cardinale di Ariano in Movimento.