Ariano bella a metà: le assenze tagliano le gambe anche a La Spezia

30 gennaio 2013

Ancora una sconfitta per L’Lpa Ariano Irpino. La Virtus La Spezia esce alla distanza contro un’avversaria ridotta a sole cinque unità, ma capace di tenerla in scacco per metà gara. Prive di Grasso, le irpine sono costrette a regalare anche il vantaggio delle assenze di Dominguez e Ferazzoli. Distorsione fortuita in mattinata per la prima, stiramento nella fase di riscaldamento per il capitano. La reazione alle avversità arriva dal parquet. Il primo tempo è perfetto. Maggi ritrova lo smalto dei tempi migliori ed Aversano, al suo fianco, si regala il primato personale di punti in A2. La guardia beneventana, lanciata in quintetto al posto di Dominguez, realizza la tripla del massimo vantaggio esterno (11-22 all’11’). La Spezia si scuote, serra le maglie in difesa e risale. Sono le due triple consecutive di Accini e Mugliarisi a riaprire la contesa (24-25 al 15’). Ariano si riappacifica con il tiro pesante, avaro di soddisfazioni in altre circostanze. La seconda tripla di Aversano ricaccia indietro La Spezia. Le liguri incassano il quarto fallo della pivot Laterza. L’azzurra ha un gran da fare con la front-line ospite: Micovic e Narviciute propiziano il nuovo allungo all’intervallo (28-35 al 20’). La benzina per le irpine finisce qui. Al rientro dagli spogliatoi è Mugliarisi a trascinare le padrone di casa. Il pareggio arriva in un amen grazie anche ad una tripla di Filippi (35-35 al 21’). Maggi e Aversano continuano a macinare canestri. Non basta: il sorpasso matura di lì a poco. A firmarlo è Gentile (42-39 al 26’). Accini e Filippi continuano ad imperversare (50-41 al 30’). Laterza allarga la forbice in avvio di ultimo quarto (54-41 al 31’), mentre Micovic continua a litigare con il canestro: la serba chiuderà con 3/13 dal campo ed appena il 50% dalla lunetta.