Approvvigionamento idrico ad Avella, la nota dei Socialisti di Pace

12 novembre 2012

Avellino – “Dall’analisi dei dati di un sondaggio svolto ad Avella risulta chiara la principale preoccupazione esistente nella cittadina della valle baianese in provincia di Avellino: l’acqua”. A riferirlo è una nota di Antonio Carpentieri dei Socialisti di Pace rivolta al sindaco di Avella, al presidente della Provincia di Avellino e al presidente dell’ATO sul tema acqua.
“Poi è stato realizzato un documentario sui fatti segnalati in collaborazione con il canale YouTube dell’associazione internazionale dei Socialisti di Pace; detto documentario diviso in cinque parti è visibile sul canale di YouTube dei Socialisti di Pace scrivendo Socialisti di Avella. Premesso che il territorio di Avella è molto ricco di risorse idriche, infatti storicamente dai tempi dei romani i paesi circostanti si riforniscono d’acqua grazie ai pozzi di Avella, considerato che ad Avella esiste un acquedotto consortile che fornisce anche i vicini Comuni di Sperone e Baiano e che appare necessaria la ricerca di altre fonti di approvvigionamento idrico viste le difficoltà di erogazione degli ultimi anni, si chiede un intervento urgente della Pubblica Amministrazione nell’attuale fase di difficoltà”. Di qui la richiesta, “… in attesa degli interventi già programmati da parte del Comune di Avella che prevedono la costruzione di un altra fonte di approvvigionamento idrico (pozzo) in località Castello”, di fornire la città “… di bottiglie d’acqua per la popolazione di Avella nel caso di carenze idriche gravi nel Paese con sospensione dell’erogazione”.