Ancora la truffa dello specchietto rotto, come riconoscerla ed evitarla

Ancora la truffa dello specchietto rotto, come riconoscerla ed evitarla

12 ottobre 2017

Ancora una tentata truffa dello specchietto ad Avellino, l’ultimo episodio è avvenuto nella giornata di ieri ad Ariano Irpino. Due coniugi, già conosciuti dalle Forze dell’Ordine per episodi analoghi e appartenenti al Gruppo dei “Caminanti di Noto” , soggetti nomadi dediti alla consumazione di reati contro il patrimonio, hanno preso di mira un anziano a bordo della propria Motoape.

Fortunatamente il personale della Volante del Commissariato di P.S. di Ariano Irpino ha sventato la truffa e provveduto a denunciare i malviventi, ma le cosiddette truffe dello specchietto sono sempre più frequenti.

Il raggiro si concretizza sempre con il medesimo modus operandi. Gli autori individuano una vittima, sempre anziana, facendo in modo che questi li superi e contestualmente lanciano un sassolino contro il veicolo in modo tale che possa fare rumore e far ritenere che nel sorpasso sia stato urtato e danneggiato lo specchietto. Dopodichè con l’uso di un pastello a cera del colore dell’autovettura della vittima fanno delle strisciate sullo specchietto della loro auto. La vittima credendo di aver urtato l’altra autovettura durante il sorpasso, per evitare di perdere la classe di merito della propria polizza assicurativa, bonariamente acconsente alle richieste di denaro del truffatore che generalmente si aggirano sui 100,00 euro.

Il consiglio, in questi casi, è di non dare mai del denaro contante, ma di spingere sempre per la compilazione del CID o, addirittura meglio, informare le Forze dell’Ordine e farle pervenire sul posto.